Aleteia
martedì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Boscardin
Stile di vita

Che potenza di pace ha il perdono. Allora perché non ci confessiamo?

CONFESSION

Di PIGAMA|Shutterstock

Semprenews - pubblicato il 24/07/20

Il perdono è un elemento di pace formidabile, è una vera e propria ri-creazione nella quale Dio ci fa diventare come dovremmo essere; eppure il sacramento della riconciliazione è sempre meno frequentato.

Di Oreste Benzi

Sapete perché la gente si confessa poco? Prima di tutto perché è pigra: rimanda sempre e, rimandando, tu alla fine non ti confessi più. Ma c’è anche un altro motivo: la confessione che facciamo noi è tanto affrettata e manca la parte di cura del perché si è giunti a peccare, per attestare se il soggetto è veramente pentito oppure no.

Nei primi tempi della Chiesa alcuni peccati, ad esempio l’omicidio o l’infanticidio, erano peccati gravissimi e chi aveva peccato doveva dirlo a tutta la comunità, poi la comunità intera dava la penitenza al soggetto.

Quando l’imperatore romano Teodosio ha distrutto Tessalonica e ha ammazzato settemila persone, Ambrogio di Milano si è sollevato contro di lui e quando ha visto che Teodosio voleva entrare in chiesa, gli ha detto: «Va fuori dalla chiesa, confessa il tuo peccato!». Mentre tutto il popolo entrava in chiesa alla messa, Teodosio rimaneva lì fuori, finché il papa gli ha detto che la penitenza era finita, perché era veramente pentito.

La nostra confessione, il nostro pentimento delle volte è un po’ “danzereccio”. Invece la gioia della vita è la serietà della vita!

Il perdono è opera della pazienza di Dio; praticamente Dio prende la persona così com’è per farla diventare come deve essere. Questo è il segreto del perdono cristiano: «Dio non vuole la morte del peccatore, ma che si converta e viva».

Il perdono rappresenta davvero un elemento di pace formidabile.

Tant’è vero che a Pietro che chiede a Gesù: «Quante volte devo perdonare, sette volte?», cioè un numero esagerato di volte, il Signore risponde: «Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette», cioè sempre.


CONFESSION

Leggi anche:
“Da quanto non ti confessi?”. “6 o 7 anni”. Quella confessione fu l’inizio di una nuova speranza

La misura del perdono non esiste, è senza misurail perdono è necessario per essere noi stessi perdonati. Gesù l’ha voluto mettere in evidenza proprio nella preghiera per eccellenza, la preghiera fondamentale del Padre nostro, in cui diciamo: Signore, perdona i miei peccati, le mie colpe, come io perdono coloro che hanno fatto soffrire me.

«Rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori». E quando manca il perdono la preghiera non è possibile che venga esaudita perché, se venisse esaudita, il Signore in un certo senso ratificherebbe il tuo odio e questo Dio non può farlo.

Certo, la tua preghiera il Signore l’accoglie sempre, ma lui non ti può perdonare perché, se ti perdonasse mentre tu scegli di continuare a fare il peccato, lui ratificherebbe ciò che continui a fare.

Per questo Gesù nella preghiera che ci ha lasciato ha messo quella frase così bella ed esigente: perdona i nostri debiti come noi li perdoniamo ai nostri debitori.

Il perdono agli altri è la misura del perdono che chiedo a te, o mio Dio.

Davvero il cristianesimo è robusto, è forte!

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DAL SITO SEMPRENEWS

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
confessionedon oreste benziperdono
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni