Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 19 Aprile |
San Leone IX
home iconFor Her
line break icon

Se i miei genitori mi avessero incoraggiato sarebbe andata diversamente

GIRL, PORTRAIT, SERIOUS

Pheelings media | Shutterstock

Giulia Cavicchi - pubblicato il 16/07/20

Le parole con cui ci relazioniamo agli altri, soprattutto ai nostri figli, sono potenti come il DNA: in positivo e in negativo sono capaci di segnare profondamente la persona.

Non è vero che solo le fate pronunciano formule magiche per cambiare la realtà.

La parola ha il potere di creare e ri-creare la realtà. Ciascuno di noi possiede una “bacchetta magica” che può utilizzare per rendere il mondo migliore o peggiore. Questo è vero in modo particolare per i genitori: le parole che si utilizzano nel relazionarsi con i figli sono tanto potenti quanto il DNA che ha determinato il colore dei capelli, la lunghezza del naso e il taglio degli occhi.

Questo è evidente quando gli adulti che incontro nel mio lavoro si confrontano con il loro passato, e si rendono conto di quanto alcune frasi, dette o mancate, hanno determinato il loro futuro.


FRANCO NEMBRINI

Leggi anche:
Cosa possiamo aspettarci dal più “cretino” della scuola? Che cambi il mondo (VIDEO)

Ad esempio, mi ricordo quando N. si rese conto che da bambino e poi da ragazzo non era mai stato incoraggiato ad affrontare le difficoltà, ma queste ricadevano addosso a lui come una colpa:

Se i miei genitori mi avessero incoraggiato sarebbe andata diversamente.

Sì, perché le parole di incoraggiamento creano la fiducia, ri-creano le condizioni per riprovarci ancora una volta con più forza, perché sostenuti e non più da soli.

Un altro esempio è P.: anche per lui, come accade a ogni bambino, ciò che dicono la mamma e papà è oro colato. Così, quando da piccolo sentiva la mamma predire catastrofi riguardo alla propria salute, certa che da un banale raffreddore si passasse ad una polmonite, o che mangiare una caramella significasse perdere i denti perché si sarebbero cariati in due e due quattro… non c’è da meravigliarsi se P. abbia vissuto in uno stato costante di preoccupazione per la propria salute, e di profonda insicurezza perché i pericoli sono sempre e comunque dietro l’angolo, anche se fai qualcosa di piacevole come succhiare una caramella.

PIXABAY

Allora, al contrario, possiamo dire che le parole di rassicurazione fanno scomparire, o meglio diminuire, la paura, e non è poco, perché portare dentro di sè il modello che il mondo è un posto bello e sicuro, è molto diverso da vivere in un mondo percepito minaccioso e pericoloso.

E ancora, quante magie fanno le parole di bene ad un bambino, tutte quelle che nutrono il suo sano bisogno di sentirsi speciale per qualcuno. “Sei bella”, “Ti voglio bene”, “In quest’occasione sei stata proprio brava…”, “Mi hai reso orgoglioso perché hai fatto questo…” sono tutte “formule magiche” dal potere incredibile, perché creano l’autostima, quel senso realistico delle proprie capacità fondamentale in tutti gli ambiti della vita.

All’opposto, quanto scolpiscono diversamente sentenze come “Tu sei …. timida/un asino/goffo/stupido…” oppure “Tu non capisci”. Queste frasi non definiscono un comportamento, ma la persona: tu sei così. E quel bambino crescerà con questa definizione che non lascia scampo a rivalutazioni o ripensamenti, per cui non gli rimarrà che essere proprio ciò che gli viene detto, ciò che gli altri si aspettano da lui, in base a quel fenomeno noto come “profezia che si autoavvera”.

Cari genitori, non sottovalutate le parole che utilizzate con i vostri figli, perché sono potenti quanto una formula magica, che cambia la realtà in base alle parole che pronuncia.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA GIULIA CAVICCHI

Tags:
educazioneparole
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
4
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
5
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni