Aleteia
sabato 24 Ottobre |
Sant'Antonio Maria Claret
Spiritualità

Conoscete il celebre caso di infestazione della casa canonica del Curato d'Ars?

JOHN VIANNEY

Sharon Mollerus CC

San Giovanni Maria Vianney (1786-1859). 4 agosto. Curato della parrocchia di Ars per 41 anni. Nominato patrono di tutti i parroci del mondo da Pio XI. «Quando non avete l'Amore di Dio siete davvero poveri. Siete come un albero senza fiori e senza frutti».

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 11/06/20

Talvolta i demoni picchiavano San Giovanni Maria Vianney, lasciando sul suo corpo delle lividure visibili; uno di questi demoni era da lui chiamato scherzosamente “le Grappin”

La casa canonica del Curato d’Ars e i misteriosi casi di infestazione diabolica che si sarebbero verificati al suo interno. Li racconta Don Marcello Stanzione in “La liberazione dei luoghi infestati dagli spiriti maligni” (edizioni Segno).

San Giovanni Maria Vianney, per la gran mole di lavoro apostolico che realizzava per il bene delle anime, non poteva non attirare le ire dell’Inferno. Infatti fu spesso molestato dai diavoli senza dare loro il minimo appiglio; i diavoli infatti facevano rumori spaventosi lanciando forti urla dall’interno della sua canonica.

Talvolta i demoni lo picchiavano lasciando sul suo corpo delle lividure visibili; uno di questi demoni era da lui chiamato scherzosamente “le Grappin”.

TRITONIS,DREAM
PD

Il Grappino

Nella stanza del santo, Gesù, la Madonna e gli angeli venivano ad assisterlo nelle sue lotte contro il “Grappino”. Un maresciallo della gendarmeria, Napoly, venuto a cercare l’abate Vianney di notte, davanti alla porta della canonica udì voci minacciose. Quando il curato apparve con la sua lanterna: “Non è nulla – disse – è il grappino”, poi vedendo che il gendarme tremava dalla paura, lo prese per mano e lo accompagnò fino dinnanzi la chiesa.

La testimonianza della collaboratrice

Caterina Lasagne, una delle collaboratrici più vicine al sacerdote, scrive nei suoi ricordi:

«[…] Lo stesso anno in cui il Signor Curato si disponeva a fondare una scuola per le ragazze, credo sia verso l’anno 1824, noi eravamo a quel tempo presso le religiose di San Giuseppe a Fareins con Benedetta Lardet, per la nostra istruzione. E quando sono ritornata il sabato, come facevamo sempre per passare la domenica ad Ars, mi hanno raccontato che il signor Curato provava molte noie a causa di rumori che sentiva alla canonica durante la notte».

La paura del giovane Verchere

Si pensava che fossero dei ladri, o qualcuno che voleva fare del male a Giovanni Maria Vianney. «Allora molti giovani si sono armati di fucili per custodirlo, gli uni come sentinelle al campanile, altri al presbiterio – ricorda Caterina Lasagne – Un giovane chiamato Verchère (fabbro ad Ars) era nella stanza vicina a quella in cui era il Signor Curato, quando improvvisamente, durante la notte intese un rumore spaventoso. Sembrava che facesse a pezzi un armadio che era nella stessa stanza. Il povero ragazzo spaventato corre in tutta fretta verso la stanza di don Vianney e lo chiama. Ecco come lo raccontava il santo Curato: ‘Il mio caro Verchère non pensava più che aveva un fucile, si credeva perduto’».

ST JOHN VIANNEY
Fr Lawrence Lew, O.P. | CC BY-NC-ND 2.0

La forca

Una notte che era caduta della neve, non si videro le tracce di nessuno. Allora don Vianney comprese che non erano dei ladri, rinviò le sue guardie e rimase solo nel combattimento.

«Egli – sottolinea la collaboratrice – si era armato prima con una forca in ferro che poneva a fianco del suo letto e diceva che talvolta sentiva strappare le tende del suo letto, credendo di trovarle in pezzi l’indomani. Si affrettava a prendere la sua forca, credeva che fossero dei ratti. Ma più egli scuoteva, più si strappava. E l’indomani, le tende non avevano male».

La voce del demonio

Altre volte il demonio bussava alla porta della sua stanza e lo chiamava Vianney. «Egli diceva che era una voce aspra. Altre volte, egli diceva: ‘Grappino ha colpito alla mia porta questa notte. Non gli ho detto di entrare. È entrato lo stesso. È venuto a sbattere la casseruola sul secchio d’acqua che è sul mio camino. L’ha battuta spesso’».

“Come un grande cavallo”

Un’altra volta, il Curato d’Ars diceva: “Sembrava che fosse un grande cavallo che era nell’appartamento, al di sotto della mia stanza, che saltava fino al soffitto e ricadeva poi sulle sue quattro zampe sul pavimento”.

Altre volte diceva che aveva sentito nel suo cortile come un esercito di austriaci o di cosacchi che parlavano confusamente un linguaggio che non comprendeva.

SAINT JOHN VIANNEY
Torsade de Pointes CC0

La volta che allontanò il demonio

Un altro episodio, che riporta sempre la sua collaboratrice, si verificò mentre San Giovanni Vianney era impegnato nel leggere il suo breviario a fianco al fuoco. «Sentiva soffiare forte un rumore al suo fianco, come se qualcuno vomitasse del pietrame o dei grani di grano. Allora, pensando che fosse il demonio, egli disse: ‘Vado alla casa della Provvidenza. Dirò quello che Dirò quello che fai per farti disprezzare. E subito ha smesso’. In effetti, egli è venuto all’istante a raccontarci ciò».

Queste visite notturne erano molto frequenti. San Giovanni Vianney notava che ciò accadeva soprattutto quando alcuni peccatori volevano convertirsi e che in effetti essi giungevano ad Ars, presso di lui, per porre ordine nella loro coscienza e menare una vita migliore, cosa che non piaceva al demonio.


THE TEMPTATION OF CHRIST BY THE DEVIL

Leggi anche:
Una preghiera serale per rinunciare al diavolo e alle sue tentazioni




Leggi anche:
Il diavolo contro San Giovanni Maria Vianney


saint Philip Neri

Leggi anche:
Come San Filippo Neri sconfiggeva gli attacchi del demonio


DEVIL

Leggi anche:
I demoni sono “solo” strutture mentali? Non esistono? Una tesi inesatta

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
curato d'arsdiavolo
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Gelsomino Del Guercio
6 frasi di Papa Francesco sulle persone omose...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa su coppie gay: serve una "legge di co...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni