Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 21 Aprile |
Sant'Anselmo d'Aosta (e di Canterbury)
home iconStile di vita
line break icon

Lettera di Charles de Foucauld a tutte le donne che hanno perso un bambino

SAD,WOMAN,MISCARRIAGE

Shutterstock

Mathilde De Robien - pubblicato il 12/05/20

In una lettera datata 12 febbraio 1900 e scritta da Nazareth, dove viveva come eremita, il beato Charles de Foucauld consolava la sorella minore, Marie de Blic, che chimava Mimi, per la perdita del suo settimo figlio, Régis, dopo poche ore di vita

“Che gioia essere la madre di un abitante del Cielo! Che onore e che felicità!”, scriveva Charles de Foucauld a sua sorella. Parole che possono confortare tutte le madri che hanno vissuto il dolore terribile di perdere un figlio.

“Mia carissima Mimi: ho appena ricevuto il telegramma inviato ieri… Devi aver sofferto molto per la morte di questo bambino, e ti penso… Ti confesso, però, che nutro anche un’ammirazione profonda ed entro in un’estasi piena di riconoscenza quando penso che tu, sorellina mia, povera viaggiatrice e pellegrina sulla Terra, sei già la madre di un santo… Che tuo figlio, al quale hai dato la vita, è in quello splendido cielo a cui aspiriamo, dietro al quale sospiriamo… Qui è trasformato in un istante nel maggiore dei suoi fratelli e delle sue sorelle, nel maggiore dei suoi genitori, nel maggiore di tutti i mortali. Oh, quanto è saggio al di sopra di tutti i saggi! Tutto quello che conosciamo come enigma, egli lo vede chiaramente… Quello che noi desideriamo, lui lo gode… il fine che perseguiamo tanto penosamente al prezzo di una lunga vita di combattimenti e sofferenze, egli lo ha ottenuto fin dal primo passo… […] Gli altri tuoi figli marciano penosamente verso quella Patria celeste, sperando di raggiungerla, ma senza avere la certezza e potendone essere esclusi per sempre; senza alcun dubbio, non ci arriveranno se non a costo di molte lotte e dolori in questa vita, e può essere che avvenga anche dopo un lungo Purgatorio. Lui, questo angioletto protettore della tua famiglia, è volato subito alla Patria, e senza pene né incertezze; per la liberalità di Nostro Signore Gesù, gode per l’eternità della visione di Dio, di Gesù, della Santa Vergine, di San Giuseppe e della gioia infinita degli eletti… Quanto deve amarti! Gli altri tuoi figli potranno così contare, come te, su un tenerissimo protettore; avere un santo in famiglia; che gioia essere la madre di un abitante del Cielo, che onore e che felicità! Ripeto, provo una profonda ammirazione pensando a questo: la madre di San Francesco d’Assisi veniva considerata beata perché ancora in vita ha assistito alla canonizzazione di suo figlio, ma tu sei mille volte più fortunata! Tu sai con la sua stessa certezza che tuo figlio è un santo nei cieli, e lo sai dal primo giorno di quel figlio amato, senza vederlo attraversare, per arrivare alla gloria, tutto un cammino di dolori. Quanto te ne sarà grato! Agli altri tuoi figli hai dato con la vita la speranza della felicità celeste, e allo stesso tempo una condizione sottoposta a molte sofferenze. A questo hai dato fin dal primo istante la realtà della felicità nei cieli, senza incertezze, senza attesa, senza alcuna pena… […] Carissima non essere dunque triste, ma ripeti piuttosto con la Santa Vergine: “Grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente… le generazioni mi chiameranno beata…” Sì, beata, perché sei la madre di un santo, perché colui che hai portato nel tuo grembo ora rispende di gloria eterna”.  

Tags:
charles de foucauldfiglimorte
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
2
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
PADRE ALDO TRENTO
Il blog di Costanza Miriano
Se un prete si innamora di una donna. Padre Aldo racconta la sua ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni