Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 18 Aprile |
Beata Savina Petrilli
home iconFor Her
line break icon

Perché quel prete chiese di donare il bouquet della sposa alla Madonna delle peste?

MADONNA PESTE, GUIDO RENI

Wikipedia

Martha, Mary and Me - pubblicato il 23/04/20

In questo momento è più chiaro: Lei è proprio quella della speranza più solida, è la Madonna dalle spalle larghe che sta con noi finché sarà necessario.

Ci sono Madonnine fino ai confini della terra:

dalle piccole città ai grandi stati, dal monte del Carmelo fino a Guadalupe.
Poi ce ne sono di più green, molto adatte ai giorni d’oggi: la madonna della neve, del mare, e anche quella delle api e dei roseti.
Quelle ever-green, sempre sul pezzo, coordinate bene alle stagioni della vita, al passo pure coi canoni della moda, attuali, molto chic: Madonna dal manto azzurro, dal manto blu, dal manto verde, dal manto rosso (che Valentino scansate).


MARIA, CHIARA, MARTINA

Leggi anche:
Pigna – di Maria Chiara Martina: «Siamo piccoli semi attaccati a te, Maria»

Madonnine raffinate ed eleganti in total look nero (modestamente quella di Loreto è mia vicina di casa) o bianco.
Oltre le “Marie” di stile e perfetta eleganza, troviamo quelle manager impegnate, che si addossano oneri e responsabilità, gioie e dolori, pregate e scongiurate, ringraziate ed onorate da tanti, per tanti motivi, in tanti tempi: Madonna degli infermi, Madonna delle famiglie, degli angeli (che magari anche loro qualche volta hanno bisogno), e senza fare torto ad alcuna categoria e stare a scomodarle proprio tutte, la Madonna delle grazie, così proprio nessuno resta orfano.
Quelle un po’ psicologhe ci risollevano le giornate: Madonna degli afflitti, della consolazione, Madonna della speranza. .
Ma in tutte queste accezioni e sotto questi mille nomi, tra le Madonnine dai mille volti e i tanti look, una l’ho sempre snobbata e quasi sottovalutata: la Madonna della peste. Non mi piaceva ricordare quel grigiore, quegli anni di angoscia e di dolore. E poi, chi ne ha bisogno, oggi? Una Madonnina demodé, un po’ dimenticata, fuori uso di certo. Nonostante quella statua nel duomo della mia città e quell’altare tutto per lei, sono sempre svicolata tra le alte colonne, salutandola, ma senza prestarle troppa attenzione, un po’ indifferente insomma.
Tra me e me pensavo: “Che triste, perché associare una Madonna ad un evento così brutto e tragico? Perché non fare la statua alla Madonna della salute, o magari della salvezza? Non riesco proprio a pregare una Madonna “della peste”, così lontana da noi, così triste”.
Tutto questo fino ad oggi, quando il mondo è cambiato, e con lui anche il volto di questa Madonnina, da me snobbata e dimenticata.

Perché sì, la salvezza, la salute, fisica spirituale, spesso passa dalla peste, da quelle sciagure che neanche immaginavi e ti trovi ad affrontare. Dalla paura, dalla sofferenza, da quei momenti in cui nella prova, possiamo solo starci e non fuggire o nasconderci. E per quei momenti serve una Madonnina che porti proprio quel nome, quello che non vorremmo ricordare, quello che preferiremmo scansare anche a sentirlo solo pronunciare. Quel nome, “Madonnina della peste”, a ricordarci invece che Lei c’è, è al nostro fianco nella miseria, nella lotta, nella fine. Fino a quando sarà necessario.

Sì perché oltre alla protezione estrema in un momento in cui tutte le certezze crollano, questa statua oggi mi sembra una Madonnina della speranza, con le spalle larghe, pronta ad addossarsi non solo le sofferenze e le difficoltà, ma anche le paure e lo stress, le incertezze e la solitudine.
Ho riscoperto un grande dono in questa Madonnina, non solo per nascondere dentro il suo manto tutte le paure ma anche per rimboccarsi le maniche dell’abito e con lei, insieme, sognare di ricominciare, per sollevarci e per renderci coraggiosi e forti. Ed è così che quella della peste è diventata la mia eroina preferita: in lei ho ritrovato la madonnina degli ammalati, delle famiglie, delle difficoltà, della pazienza, di tutte le grazie e di tutti i popoli e persino l’eco di quella degli scout che continua a ripetere “Estote Parati!”, siate pronti a ricominciare fuori di voi, quando sarà il momento, preparandovi dentro, “lui è risorto, e io sarò con te!”.
Proprio ora che non posso uscire, questo ricordo Madonnina della Peste, è per te: il ricordo di quando un prete saggio, alla fine di un matrimonio in cui ero testimone, ci disse ”Andate a donare il bouquet della sposa alla Madonnina della peste, lei è la vostra forza! Mettetevi sotto la sua protezione.”

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA MARTHA, MARY & ME

Tags:
madonnamatrimoniopeste
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
5
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
6
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
7
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni