Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 27 Novembre |
Beata Vergine della Medaglia Miracolosa
home iconNews
line break icon

Coronavirus, 6 sacerdoti morti a Bergamo. Il vescovo: prova estremamente dolorosa

COFFIN-GRAVE-FUNERAL

Tuomas Kallio/Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 16/03/20

Nell'inferno della bergamasca ci sono anche note positive: 20 sacerdoti nel giro di qualche giorno sono migliorati e altri sono già dimessi dall'ospedale

«Pur essendo noi molto numerosi il numero dei sacerdoti morti questa settimana e quello di coloro che sono ancora in una situazione particolarmente grave è veramente elevato».

Lo ha detto il vescovo di Bergamo, monsignor Francesco Beschi, in un’intervista a InBlu Radio, il network delle radio cattoliche della Cei, sull’emergenza Coronavirus.

«A conforto deve dire anche che questa settimana – ha aggiunto il vescovo di Bergamo – 20 sacerdoti nel giro di qualche giorno sono migliorati notevolmente e altri sono già usciti dall’ospedale. Questo è un segno che ci conforta molto. Stiamo vivendo questa pena condividendola con quella delle nostre comunità insieme al numero dei contagiati, dei malati e un elevato numero di morti. Non siamo separati dalla nostra comunità nemmeno nel passaggio della morte».

LEKARZE
Mateusz Grochocki/EAST NEWS

Il dramma di Bergamo

La situazione in provincia di Bergamo resta drammatica. Centinaia i contagiati ogni giorno, e centinaia sinora anche i morti dall’inizio dell’epidemia. Gli ospedali sono in grande difficoltà e lo stesso sindaco del capoluogo Giorgio Gori ha ammesso che per alcuni malati non c’è neppure la possibilità di andare in terapia intensiva, poichè i posti disponibili sono saturi in tutti i nosocomi della bergamasca. Il Cimitero Monumentale della città resta ingolfato di bare, come avevamo documentato qualche giorno fa.




Leggi anche:
Coronavirus, a Bergamo chiesa trasformata in un cimitero: 40 bare in attesa di cremazione

La sofferenza della messa

«In questi ultimi 15 giorni – ha proseguito il vescovo di Bergamo a InBlu Radio – ho visto una generosità crescente da parte di tutti. Oggi siamo nelle nostre case e vedo tessere dei legami di vicinanza veramente significativi. Dentro questo orizzonte è emersa la generosità dei sacerdoti con la sofferenza iniziale di non poter più celebrare la messa con i fedeli».

Vicini sui social

Anche oggi, prosegue il vescovo, «con tutte le dovute precauzioni, siamo vicini alla gente nella consapevolezza che da un verso portiamo Gesù e dall’altro potremmo diventare portatori del virus. Sta crescendo molto la relazione attraverso media e social, adesso è l’unico modo che ci permette di essere vicino a tutti».

VINCENSO RINI
Diocesi di Cremona
Monsignor Rini, già direttore de "La vita cattolica", uno dei primi religiosi morti per il Coronavirus

“I tempi saranno lunghi”

«Bisogna fare attenzione – ha concluso il vescovo di Bergamo a InBlu Radio – perché i tempi saranno ancora lunghi. Siamo passati da una certa indifferenza a una consapevolezza e comprensione reciproca maggiore. Adesso bisogna che questa condivisione si mantenga nelle prossime settimane».


pope rome street

Leggi anche:
Il Papa a piedi per Roma: va a pregare la Madonna per la fine del Coronavirus

Tags:
bergamocoronaviruspretisacerdoti
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
ILARIA ORLANDO,
Silvia Lucchetti
Iaia: il dono di essere nata e morta lo stess...
Matrimonio cristiano
Karolina Kόzka ha preferito la morte alla vio...
NATALE, IENE, COVID
Annalisa Teggi
Natale, il suo canto di gratitudine commuove ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni