Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Coronavirus, a Bergamo chiesa trasformata in un cimitero: 40 bare in attesa di cremazione

Condividi

Una drammatica soluzione temporanea nella chiesa di Ognissanti, che si trova all’interno del cimitero della città lombarda, dove l’emergenza coronavirus è, purtroppo, fuori controllo

L’accesso al cimitero di Bergamo era stato vietato perché troppe anziane continuavano ad arrivarci con i mezzi pubblici per poi incontrarsi al camposanto.

Ma la chiusura del pesante cancello è servita anche a celare la vista di scene terribili che rendono l’entità della tragedia che ha colpito la provincia, dove il totale dei contagiati per il coronavirus ha raggiunto quota 1.815 (+343 in un solo giorno) e quello delle vittime 142.

Salme da giorni in attesa di cremazione

Scene come quella della chiesa di Ognissanti, all’interno del cimitero, racconta il Corriere della Sera (12 marzo), trasformata in un’enorme camera mortuaria. L’ordinanza del sindaco (che parla di «ricevimento e custodia temporanea di feretri provenienti da strutture sanitarie cittadine o provinciali») lo ha sancito ieri, 11 marzo, ma da giorni nella grande navata si stende una media di 40 bare con salme in attesa di cremazione.

Visto che la chiesa si è riempita in fretta viene utilizzata anche la camera mortuaria del cimitero, che negli ultimi anni era stata usata solo un paio di volte.

Public Domain

Il forno crematorio lavora senza sosta

Anche il forno crematorio lavora ormai nell’arco delle ventiquatt’ore, mentre gli uffici comunali sono affollati quasi solo dagli addetti delle onoranze funebri che devono registrare i decessi. A Bergamo, dunque, il coronavirus spaventa più che mai.

Nella sola città di Bergamo i morti totali sono stati 18 sabato, 44 tra domenica e lunedì, 33 martedì e 51 ieri: 146 in 5 giorni. Ora l’attesa per le cremazioni è di cinque giorni. Ovviamente non vengono celebrati funerali (Corriere del Ticino, 12 marzo).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.