Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 27 Novembre |
Beata Vergine della Medaglia Miracolosa
home iconStorie
line break icon

Coronavirus, il dono della sartoria alla Caritas: mascherine gratis ai più bisognosi

Screenshot from Facebook

Il giovane imprenditore cosentino all'opera per realizzare le mascherine.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 12/03/20

Iniziativa di un giovane imprenditore di Cosenza: "Più che dal punto di vista batteriologico sono importanti sotto l’aspetto mentale"

«Ritengo giusto aiutare chi non riesce a trovare una mascherina, o magari non può sostenere i costi attuali. Il momento è difficile per tutti, non solo per quanti hanno disponibilità economiche. Anzi!».

La voglia di essere utile in questi giorni difficili a causa della diffusione del Coronavirus, racconta Avvenire (11 marzo), è stata la molla più importante per Riccardo Magarò, 23enne imprenditore cosentino che si è messo a lavoro nella sua sartoria per realizzare mascherine da distribuire gratuitamente a chi ne ha bisogno.

Da Cosenza a Paola

Le prime le ha realizzate con il cotone che aveva in bottega, a doppio tessuto e lavabili, le altre in Tnt (Tessuto non tessuto) sino a quando è stato possibile reperire il materiale nei negozi che ancora erano aperti o avevano disponibilità di merce.

Quindi ha contattato la Caritas diocesana di Cosenza-Bisignano, cedendole a loro affinché le distribuissero ai soggetti più bisognosi e a rischio. Tanto in città quanto nel resto dell’area urbana cosentina e pure in provincia. Una consegna ha interessato, a esempio, la comunità di Paola, la città di San Francesco, lungo la costa tirrenica.

“Rasserenare i cittadini”

«Più che dal punto di vista batteriologico sono importanti sotto l’aspetto mentale, aiutando per quanto possibile a rasserenare i cittadini», racconta il giovane imprenditore, titolare del Palazzo dei Sarti di Cosenza, aiutato nell’opera di solidarietà unicamente dalla sorella Miriana poiché al momento sono sospese anche le attività degli allievi impegnati nella sartoria che si trova nel cuore del centro storico cosentino (Avvenire, 11 marzo).

Le mascherine che funzionano e quelle che non funzionano

Per dovere di informazione, precisiamo ai nostri lettori quali sono le mascherine che possono bloccare la trasmissione del virus, e quelle che invece non hanno lo stesso effetto.

NO: anti smog e chirugiche

Le mascherine antismog o quelle per saldatori, come le FFP1, offrono soltanto una blanda protezione contro la diffusione del contagio da parte di persone malate.

KORONAWIRUS
SamaraHeisz5 | Shutterstock

Le mascherine chirurgiche, invece, sono dispositivi medici (solitamente marcati CE, certificazione che attesta la rispondenza alla Direttiva 93/42/CE, o comunque di pari livello) progettati per proteggere i pazienti in situazioni specifiche, come un’operazione chirurgiche, ma non proteggono il medico o l’infermiere che le utilizza, poiché non hanno un bordo di tenuta sul viso e non comprendono un sistema filtrante. Non sono totalmente inutili, ma non sono sufficienti a garantire una sicurezza adeguata a chi vuole o deve difendersi dal Coronavirus. 




Leggi anche:
Coronavirus, il coraggio dei cattolici di Wuhan: in strada a parlare di Gesù e distribuire mascherine

SI: Dpi FFP2 o FFP3

Quando l’obiettivo è proteggere se stessi dai virus, infatti, bisogna indossare le mascherine – purtroppo più costose – Dpi FFP2 o FFP3.

Le mascherine utili a evitare il contagio da Coronavirus sono quelle classificate come DPI FFP2 e FFP3, conformi alla norma europea armonizzata UNI EN 149:2009 (oltre che marcate CE). Le sigle citate indicano il livello di protezione filtrante: le FFP2filltrano particelle solide e liquide, garantendo una protezione del 92%.

POPE AUDIENCE
Antoine Mekary | ALETEIA

Mentre le FFP3 sono maschere (dotate di una valvola di espirazione in sola uscita che si apre per fare uscire il fiato: durante tale fase la membrana di gomma si sposta mettendo in comunicazione l’interno del facciale con l’ambiente esterno e pertanto non devono essere indossate da soggetti positivi per non diffondere il virus) che garantiscono una protezione del 98%, anche contro agenti molto fini come l’amianto (www.bsnews.it, 11 marzo).




Leggi anche:
Coronavirus, esposti 6 crocifissi miracolosi in Italia: ecco dove si trovano

Tags:
coronavirussolidarieta
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
ILARIA ORLANDO,
Silvia Lucchetti
Iaia: il dono di essere nata e morta lo stess...
Matrimonio cristiano
Karolina Kόzka ha preferito la morte alla vio...
NATALE, IENE, COVID
Annalisa Teggi
Natale, il suo canto di gratitudine commuove ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni