Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 28 Febbraio |
Sant'Auguste Chapdelaine
home iconNews
line break icon

Coronavirus, il coraggio dei cattolici di Wuhan: in strada a parlare di Gesù e distribuire mascherine

China News Service/中国新闻网 [CC BY (https://creativecommons.org/licenses/by/3.0)]

People wearing masks in Hong Kong for Wuhan coronavirus outbreak

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 11/02/20

A Hong Kong messa via web e limitazioni per chi va in chiesa: mascherina, tenersi a distanza e massima igiene

Restrizioni ancora più severe per la celebrazione delle messe domenicali a causa del coronavirus ad Hong Kong.

Da domenica scorsa, per evitare il più possibile assembramenti di persone in luoghi chiusi, la diocesi dell’ex colonia britannica ha deciso di concedere ai fedeli cattolici che hanno paura di contrarre il virus o che hanno anche un lieve malore, una dispensa dall’obbligo della messa domenicale e di dare la possibilità a tutti di partecipare alla messa via webcast.

La liturgia, celebrata da un sacerdote rigorosamente con mascherina, è stata infatti trasmessa in cinese e in inglese al sito www.catholic.org.hk.

Comunione “spirituale”

Ovviamente via web, il fedele riceve solo spiritualmente la Santa Comunione. Altra possibilità suggerita dalla diocesi per partecipare alla messa domenicale senza recarsi fisicamente in una chiesa, è quella di meditare il testo liturgico domenicale, leggendo la Bibbia o dicendo il rosario (Agensir, 11 febbraio).

Divieti e obblighi

Seguendo le direttive del governo, inoltre, anche la diocesi chiede ai fedeli che hanno visitato una regione interessata dal Coronavirus o hanno viaggiato all’estero o sono state a contatto con persone sospettate di essere infettate dal Coronavirus, di non partecipare alla messa e di rimanere in isolamento per 14 giorni. Divieto di partecipazione alle messe anche per quei membri di fedeli che non stanno bene o sono cronicamente malati.

La diocesi ribadisce infine che rimangono in vigore tutte le disposizioni date a fine gennaio per le messe domenicali e feriali in chiese e cappelle e cioè l’obbligo di indossare mascherine, prestare massima attenzione all’igiene e mantenere una certa distanza.




Leggi anche:
Coronavirus, i cattolici che vivono nei luoghi del contagio: “Siamo nel panico, la Cina nasconde la verità”

In strada per evangelizzare

Intanto nei luoghi più “caldi” del contagio, numerosi missionari sono scesi in strada per distribuire mascherine e parlare di Gesù. È quanto sta accadendo a Wuhan, epicentro dell’epidemia di Coronavirus.

Come riportato dalla corrispondente di CBN News AsiaLucille Talusan, i cristiani hanno scelto coraggiosamente di rischiare doppiamente la propria vita pur di condividere il messaggio del Vangelo. I testimoni che condividono apertamente la loro fede, infatti, non solo affrontano possibili infezioni da pericolose malattie respiratorie causate dal virus, ma potrebbero anche essere soggetti a potenziali persecuzioni da parte delle autorità.

© VIVEK PRAKASH / AFP


STATYSTYKI KOŚCIELNE 2019

Leggi anche:
Coronavirus: i medici tentano di proibire la distribuzione della Comunione

Rischi di censure e punizioni

Il governo comunista cinese, infatti, include il cattolicesimo e il protestantesimo, basati sul cristianesimo, tra le cinque religioni ufficialmente sanzionate della nazione, le attività di queste tradizioni religiose richiedono la registrazione e sono soggette a complesse agenzie regolatorie statali che gestiscono «tutti gli aspetti della vita religiosa, compresi gli incarichi di leadership religiosa, selezione del clero e interpretazione della dottrina», secondo il Council on Foreign Relations (CFR) con sede negli Stati Uniti.

Nonostante i potenziali pericoli, attraverso l’opera di volontariato i cristiani di Wuhan stanno soddisfacendo i bisogni dovuti alla crisi, creando così opportunità per condividere il Vangelo (Voce contro corrente, 11 febbraio).




Leggi anche:
Coronavirus: ospedali, medici e 800mila euro, così la Chiesa sta aiutando la Cina

Tags:
cattolici in cinacinacoronavirushong kong
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
4
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
5
Paola Belletti
Aiutiamo Debora Vezzani? Tutta la famiglia con il Covid, lei la p...
6
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
7
Gelsomino Del Guercio
Congo, Attanasio salvò dal Covid suor Annalisa. “Devo a lui la mi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni