Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 01 Novembre |
San Wolfgang di Rägensburg
home iconNews
line break icon

Coronavirus: i medici tentano di proibire la distribuzione della Comunione

STATYSTYKI KOŚCIELNE 2019

Tomasz Rytych/REPORTER

ACI Digital - pubblicato il 04/02/20

Un'associazione medica adduce il rischio di trasmissione del virus, ma la Giustizia respinge la richiesta

La Qualified Private Medical Practitioners Association, un’associazione di medici del sud dell’India, ha chiesto alla Giustizia del Paese di proibire la distribuzione della Comunione durante le Messe, sostenendo che la forma di distribuzione configurerebbe un rischio di trasmissione del coronavirus e metterebbe “in pericolo la salute della gente in generale”.

La richiesta presentata al tribunale sottolineava che nella maggior parte delle chiese cristiane dell’India il vino viene distribuito dai sacerdoti in un unico calice, che passa di bocca in bocca alle persone che si comunicano.

Secondo l’associazione, la pratica “genera un possibilità molto alta di contaminazione per saliva”. Oltre a questo, i medici hanno indicato che il sacerdote distribuisce l’Eucaristia sulla lingua, azione che permette la contaminazione mediante la saliva e dovrebbe essere limitata per evitare la trasmissione di malattie.

La Giustizia ha però respinto la richiesta dei medici, sostenendo che non è mai accaduto che il fatto di ricevere la Santa Eucaristia abbia provocato la diffusione di una malattia e dicendo che non spetta ai medici di interferire nella “pratica centenaria”. Il tribunale ha anche segnalato che le denominazioni cristiane hanno “approcci diversi per l’amministrazione e la recezione del Santo Sacramento”.

La sua recezione, ad ogni modo, non è mai obbligatoria, e ogni fedele deve decidere in base alla propria “fede assoluta come seguace del cristianesimo”.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
comunionecoronavirusindia
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Annalisa Teggi
"Dite ai miei figli che li amo": ecco chi è l...
Pope Audience
Gelsomino Del Guercio
Corruzione in Vaticano, il Papa: "Non ho paur...
O Planeta que temos
Le 7 marche di cioccolato che sfruttano il la...
COQUI
Esteban Pittaro
L'ultima Messa di un sacerdote prima di esser...
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Toscana Oggi
Si può fare la Comunione senza essersi prima ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni