Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 03 Dicembre |
San Francesco Saverio
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Un corto che parla di peccato, pentimento e segreto della Confessione

KONFESJONAŁ

Beata Zawrzel/REPORTER

Catholic Link - pubblicato il 15/03/20

di Silvana Ramos

Washed Away è un cortometraggio diretto da Ben Kallam che vuole essere una critica a certe situazioni che si vivono nella Chiesa protestante. È importante sottolineare che è un video per adulti con una certa formazione.

Tocca un tema molto delicato, frequente non solo nella Chiesa protestante. Anche nella Chiesa cattolica c’è una partecipazione molto cospicua e coinvolta a gruppi o pastorali giovanili.

Non voglio parlare della situazione in sé, ma dell’importanza del segreto della Confessione, del pentimento, del perdono, e del grande danno che provocano i giudizi affrettati e la vergogna.

1. Il segreto della Confessione

La Confessione sia sacramentale che al di fuori dell’ambito sacramentale (ad esempio un accusato con il suo avvocato, o un paziente con il suo psichiatra) si fa in segreto o in privato non per nascondere le cose, ma in primo luogo per proteggere l’intimità della persona. È una cosa che nasce sia dal diritto naturale che dal diritto divino.

Il segreto della Confessione sacramentale è estremamente importante. Anche se il segreto sacramentale e quello che si verifica in altre istanze hanno lo stesso principio, nella Chiesa si aggiunge qualcosa di ancor più grande: custodire la presenza di Dio nell’intimo dell’essere umano.

Quanto detto in Confessione a un sacerdote deve rimanere del tutto riservato, anche se il penitente muore, e non si può parlare al penitente dei suoi peccati senza il suo permesso né obbligarlo a confessarsi.

Il Codice di Diritto Canonico, canone 983, 1, dice: “Il sigillo sacramentale è inviolabile; pertanto non è assolutamente lecito al confessore tradire anche solo in parte il penitente con parole o in qualunque altro modo e per qualsiasi causa”.

La Confessione non può essere obbligata, né ci si può confessare a nome di qualcun altro. La Confessione dev’essere un atto di assoluta libertà, con contrizione del cuore e proposito di emendamento, ma anche con l’umiltà di sapersi fragili, bisognosi di Dio e amati incondizionatamente da Lui.

  • 1
  • 2
Tags:
confessioneperdono
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni