Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Coronavirus, Papa: sono vicino a chi si sta impegnando per fermare i contagi

POPE AUDIENCE
Condividi

Il pontefice durante l’udienza in Piazza San Pietro: “Desidero esprimere nuovamente la mia vicinanza ai malati e coloro che li assistono”. Intanto il Vaticano chiude le Catacombe

«Desidero esprimere nuovamente la mia vicinanza ai malati del Coronavirus e agli operatori sanitari che li curano, come pure alle autorità civili e a tutti coloro che si stanno impegnando per assistere i pazienti e fermare il contagio».

Così Papa Francesco a conclusione dell’udienza generale in piazza San Pietro (Aska News, 26 febbraio).

Eventi rinviati in Vaticano

L’Università Urbaniana avrebbe ospitato il 25 febbraio la presentazione di un volume dedicato alla figura del cardinale Celso Costantini in una cornice ampia di partecipanti e con un ricco parterre di personalità, tra cui i cardinali Parolin, Tagle e Filoni. L’evoluzione del quadro legato alla diffusione del coronavirus ha però indotto ad alzare il livello di cautela e a rinviare l’incontro.

E’ un esempio di quegli «eventi previsti per i prossimi giorni in luoghi chiusi e con afflusso rilevante di pubblico» che, secondo quanto affermato dal direttore della Sala Stampa della Santa Sede, Matteo Bruni, «sono stati rinviati» all’interno del Vaticano.

Le misure di prevenzione

Una misura affiancata da altre di carattere sanitario, prima fra tutte quella di un presidio con «un infermiere e il medico di guardia per l’assistenza immediata negli ambulatori della Direzione Sanità e Igiene nel caso di pazienti con sintomi riconducibili al coronavirus».

Inoltre, negli Uffici permessi per l’accesso alla Città del Vaticano sono stati installati “dei dispenser con un igienizzante per le mani” (Vatican News, 26 febbraio).

Chiuse le catacombe

Intanto la Pontificia Commissione di Archeologia Sacra ha disposto la chiusura provvisoria di tutte le catacombe aperte al pubblico a partire da oggi. Una decisione arrivata a causa della «particolare conformazione e natura delle catacombe, con concentrazione elevata di umidità, limitata aerazione e spazi ristretti».

La catacombe aperte al pubblico si trovano a Roma, nel Lazio, in Campania, Sicilia, Toscana e Sardegna.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni