Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Justin Bieber: Dio, il matrimonio e mia moglie mi hanno salvato la vita

JUSTIN BIEBER
Condividi

La popstar sempre più rinnovata nello spirito dopo i momenti difficili, segnati da sballo e droga. “Il dolore non può durare per sempre. Dio? E’ sempre accanto a me insieme a mia moglie”

Justin Bieber presenta il suo nuovo album, “Changes”, a Londra e racconta il suo percorso di sofferenza e la sua nuova vita al fianco della moglie Hailey Baldwin. Oggi ha 25 anni, ma a 13 anni ha cominciato a drogarsi e ha vissuto anni «terribili», nei quali «gli addetti alla sicurezza entravano in camera per controllare se era ancora vivo».

JUSTIN BIEBER
Disney | ABC | Flickr CC by ND 2.0
JUSTIN BIEBER:È diventato celebre quando era ancora liceale, in istituto cattolico. Quando la star canadese annunciò su Instagram il proprio fidanzamento con la top model Hailey-Baldwin, nessuno ha preso alla leggera il proprio impegno. Da fervente cristiano qual è, il rapper desidera «lasciare che Gesù guidi il suo futuro matrimonio».

“Manciata di pillole e droga”

La prima cosa che faceva quando era sveglio «era ingoiare una manciata di pillole e fumare droga». Poi è arrivata Hailey e tutto è cambiato. Tra l’altro ha provato a chiamarla in diretta davanti ai suoi fan, ma lei era a Los Angeles, quindi dormiva e non poteva rispondere. Justin Bieber spiega poi che si sta curando: ha scoperto infatti di essere affetto dalla malattia di Lyme, una patologia batterica che per un periodo lo ha reso sempre spossato e depresso (Il Sussidiario, 17 febbraio).

“Lui è sempre al nostro fianco”

Ne sta uscendo con vita sana, sport, lavoro e sopratutto Dio. «Lui è buono, crede in noi. Succedono cose che ci fanno dubitare di questa realtà, ma lui c’è sempre al nostro fianco – afferma – Ma bisogna avere fiducia. Alla fine tutto si sistema. Il dolore non può durare per sempre» (Il Giornale, 17 febbraio).

Debby Wong / Shutterstock.com

Il supporto della moglie

Accanto a Dio, l’altro supporto fondamentale è stato l’aiuto di sua moglie. L’ha conosciuta peraltro in chiesa. Il loro amore risale al 2016 e, fra alti e bassi, è arrivato fino al matrimonio segreto dell’estate 2018 a New York, dopo la proposta di nozze a Bahamas.

I due si sono risposati nel settembre 2019: «Il matrimonio è la cosa più bella che ci sia, anche se bisogna impegnarsi, coltivarlo ogni giorno. Il pensiero che per il resto della mia vita avrò mia moglie al mio fianco mi fa venire i brividi di gioia», ha aggiunto Bieber.

Alexandria House

Justin e Hailey, insieme, stanno provando anche ad aiutare gli altri: il brano “Intentions” è dedicato ad Alexandria House, un rifugio per donne e bambini di Los Angeles. Lì ha girato il video per la canzone, prendendo spunto dalle storie di tre donne dai trascorsi difficili.

Il suo nuovo approccio alla vita, infatti, è questo: «Tutti noi incontriamo difficoltà. Lo nascondiamo e siamo anche bravi a farlo, ma sotto sotto tutti abbiamo momenti difficili. Ricordatevi, non siete soli» (Vanity Fair, 17 febbraio).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.