Aleteia
domenica 25 Ottobre |
Sant'Antonio Maria Claret
Cultura

La Vigilia di Natale, lo sguattero e la suora: la vera storia del panettone

Panettone christmas bread

Pixabay

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 30/12/19

Il dolce simbolo del periodo natalizio è nato "per caso" a Milano, proprio in questi giorni

Il panettone, dolce natalizio per antonomasia, diffuso ovunque e fatto di un impasto di farina di frumento, lievito, burro e zucchero con aggiunta di sale, tuorli d’uovo, uva sultanina e canditi in pezzetti, vanta un’origine di matrice religiosa e strettamente legata alla festa della Nascita del Salvatore.

All’origine del panetùn, infatti, c’è una tradizione che rimanda all’Ultima cena (una “ricca” ultima cena) tra pani, fuoco e vino (Il Timone, 30 dicembre).

Il cenone della vigilia di Natale

Questa la leggenda più accreditata sull’origine del dolce. Il protagonista è Ludovico il Moro signore di Milano, nell’anno 1495. Siamo alla vigilia di Natale, il 24 dicembre, e la corte è radunata attorno a colossali tavoloni per festeggiare con un lauto pasto. Nelle cucine sono tutti impegnati nella preparazione di pietanze e leccornie che riscuotono molto successo tra i commensali.

Panettone christmas bread
Fabio Balbi | Shutterstock

Lo sguattero addormentato

Sono talmente indaffarati che il capo cuoco chiede a un giovane di nome Toni, lo sguattero di 12 anni, di sorvegliare la cottura delle grandi ciambelle in forno. Ciò che sta lentamente lievitando nei forni di Palazzo Reale è il dolce di fine pasto e deve essere ben cotto per concludere degnamente i festeggiamenti della Vigilia di Natale.

Qualcosa però va storto. Il povero Toni, stanco dopo giorni di lavoro intenso, si addormenta. Inizia a levarsi un odore di bruciato. Lo sguattero dorme solo pochi minuti ma sono decisivi per mandare in fumo tutte le ciambelle, che si bruciano tutte.


BAGNA CAUDA

Leggi anche:
L’apparizione degli angeli cuochi che prepararono il pranzo di Natale

L’impasto con gli avanzi

Il ragazzo allora, impaurito per la reazione del capo cuoco e dei commensali ancora vogliosi di cibo, non sa come giustificarsi. Fino a quando non si ricorda del dolce che aveva preparato per sé e i suoi amici utilizzando gli avanzi dell’impasto delle ciambelle a cui aveva successivamente aggiunto uova, burro, canditi e uvetta.

Decide così di rischiare il tutto per tutto e di proporlo al capo cuoco come dessert per gli ospiti del Duca, signore di Milano.

I dubbi del capocuoco

Il capo cuoco, in un primo momento dubbioso, resta letteralmente estasiato dal profumo e sorpreso dalla forma a cupola del dolce che decide di servirlo ai commensali. La duchessa lo assaggia per prima. Apre la bocca, mastica con lentezza e poi sentenzia: “Ottimo”. E tutti gli invitati sono d’accordo con lei. Il dolce viene gustato da tutti accompagnano da buon vino.

Il Duca a questo punto si complimenta con il capo cuoco il quale, però, non rivela che a prepararlo è stato Toni, lo sguattero.




Leggi anche:
13 tradizioni natalizie da tutto il mondo che sicuramente non conosci

“El pan de toni”

Ma le bugie, si sa, hanno le gambe corte e ben presto a Milano si diffonde la verità. E sulla bocca di tutti il dolce servito al Duca viene chiamato come “el pan de Toni” in dialetto meneghino. Passano gli anni e la ricetta varca le mura di corte, diffondendosi in tutta Italia, modificandosi da “pan de toni” in panettone (storiedimenticate.it).

PANETTONE, POPE FRANCIS
Nicola | CC BY 2.0 | Antoine Mekary | Aleteia

Il dolce di Suor Ughetta

Un’altra leggenda sull’origine del panettone vede protagonista una suora: suor Ughetta, cuoca di un convento milanese e che, per Natale, pensò di fare un dolce per le altre consorelle usando i pochi ingredienti disponibili nella dispensa del monastero.

Al solito impasto del pane aggiunse uova e zucchero, canditi e uvette. Per benedire quel pane natalizio vi tracciò sopra, con il coltello, una croce. Le suore apprezzarono e anche questa volta, a Milano, il passaparola fu incredibilmente veloce: i milanesi cominciarono a fare offerte al convento per portare a casa un po’ di quel pane speciale (www.focus.it).


PRANZO NATALE FAMIGLIA

Leggi anche:
Come preparare la tavola a Natale?

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
leggendanatalepanettone
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni