Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Ho digiunato per 24 ore, ed ecco cosa è avvenuto

Condividi

Ero curiosa di conoscere i benefici fisici, ma sono stati gli effetti spirituali a renderlo prezioso

La settimana scorsa ho fatto qualcosa di folle. Dopo aver ascoltato alcuni podcast sul beneficio del digiuno prolungato (24 ore o più), la mia curiosità è stata stuzzicata e ho deciso di provare. Ho anche deciso di non avvisare in anticipo la mia famiglia, per due motivi: in primo luogo perché volevo seguire l’ammonizione scritturale a digiunare in segreto, e poi perché non volevo ammettere il fallimento nel caso in cui non ci fossi riuscita. Dopo tutto, 24 ore senza ingerire altro che acqua, tè verde e un po’ di elettroliti è una sfida seria.

Ho pensato anche di poter prendere due piccioni con una fava e di iniziare un giorno in cui lavoravo la sera, visto che avevo già cercato di abbandonare l’abitudine di cenare alle 22.00 al mio ritorno a casa. Quel giorno ho anticipato i pasti, consumando l’ultimo alle 16.00 prima di andare a lavoro. Quando sono tornata dal lavoro non ero affamata. Ero irritata.

Leggi anche: Che cosa significa credere? Digiunare e pregare?

Ho sempre avuto almeno un’ora di scartoffie da finire di controllare a casa le sere in cui lavoro, ed è diventato abituale cenare mentre lo faccio. Senza la prospettiva della cena, non avevo altro da fare se non dedicarmi alle scartoffie. E stranamente, senza la fame a cui avevo abituata che mi dava la carica ero stanca. Non ne vado fiera, ma la verità è che quell’ora di lavoro è stata una delle più amare che abbia sperimentato da un po’ di tempo a questa parte.

Nonostante tutto, ho finito e poi sono collassata nel letto – un’ora prima del solito, un bonus inaspettato. Quando mi sono svegliata, però, non mi sentivo ritemprata, ma intontita e quasi stanca come la sera prima – ed ero appena a metà della mia sfida di 24 ore.

Ho un livello sano di curiosità scientifica e un livello malsano di ostinazione, e quindi sono andata avanti. Alla sedicesima ora affamata. Il cibo era l’unica cosa a cui riuscivo a pensare. Fortunatamente per me dovevo andare al lavoro, e sono quasi certa del fatto che aver lasciato il bancomat a casa sia stata la mia salvezza. Durante la prima ora di lavoro mi sentivo un po’ con la mente offuscata, ma all’una di pomeriggio – dopo 18 ore di digiuno – mi ero schiarita le idee e cominciavo a sentirmi bene. Non alla grande, ma molto meglio. Sono rimasta impegnata fino al momento di andare a prendere i bambini a scuola per poi dedicarmi ai lavori domestici e alla cena.

Quando siamo arrivati a casa è successa una cosa curiosa. Ho iniziato a preparare la cena e a dare una mano coi compiti e mi sono resa conto che ero in pace con me stessa – dopo 20 ore di digiuno. Non avevo una tonnellata di energia né mi sentivo stranamente felice – solo calma. Anche quando tutti e cinque i bambini mi facevano domande sui compiti mentre cercavo di evitare che si bruciassero le cipolle ero calma. Non fingendo di essere calma esteriormente, ma davvero, autenticamente, in pace dentro. È stata un’esperienza così sorprendente che quasi non volevo mangiare quando sono arrivata finalmente allo scadere delle 24 ore. Ho detto quasi…

Leggi anche: Il digiuno mi ha insegnato quanto può sfamarmi la preghiera

Ovviamente ho cenato con i bambini e li ho aiutati a finire i compiti prima di iniziare i riti dell’addormentamento. Abbiamo letto delle storie e cantato delle canzoni, e anche se avevo mangiato provavo ancora quello strano senso di pace. È stata una delle serate migliori degli ultimi tempi, e me lo hanno detto anche i miei figli. Sono andata a letto provando un profondo senso di gratitudine per il fatto che la mia curiosità e la mia ostinazione mi avessero fatto fare quella che in passato pensavo fosse una penitenza in stile veterotestamentario folle e quasi barbara.

Il digiuno apporta dei benefici che vanno ben al di là dell’aspetto fisico. Sì, costringe a confidare di più in Dio – credetemi, tra le 16 e le 18 ore ci sono stati molti momenti in cui ho dovuto supplicare Gesù di prendere le redini della situazione. Sospetto anche che abbia un effetto di rinnovamento spirituale molto simile a quello fisico. Potrebbero esserci delle spiegazioni scientifiche per questo, ma non diminuirebbero il mio grado di gratitudine per il dono inaspettato che ho ricevuto con un digiuno di 24 ore.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni