Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 17 Aprile |
Santa Kateri Tekakwitha
home iconSpiritualità
line break icon

Che cosa significa credere? Digiunare e pregare?

Jeffrey Bruno

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 06/09/19

Se bastasse fare questo per essere credenti, avremmo ridotto la fede cristiana a una semplice tecnica. Essere cristiani è sapere che “lo sposo è con noi”: è da questa presenza che la vita cambia!

In quel tempo, i farisei e i loro scribi dissero a Gesù: «I discepoli di Giovanni digiunano spesso e fanno preghiere, così pure i discepoli dei farisei; i tuoi invece mangiano e bevono!».
Gesù rispose loro: «Potete forse far digiunare gli invitati a nozze quando lo sposo è con loro? Ma verranno giorni quando lo sposo sarà loro tolto: allora in quei giorni digiuneranno».
Diceva loro anche una parabola: «Nessuno strappa un pezzo da un vestito nuovo per metterlo su un vestito vecchio; altrimenti il nuovo lo strappa e al vecchio non si adatta il pezzo preso dal nuovo. E nessuno versa vino nuovo in otri vecchi; altrimenti il vino nuovo spaccherà gli otri, si spanderà e gli otri andranno perduti. Il vino nuovo bisogna versarlo in otri nuovi. Nessuno poi che beve il vino vecchio desidera il nuovo, perché dice: “Il vecchio è gradevole!”». (Luca 5,33-39)

«I discepoli di Giovanni digiunano spesso e fanno orazioni; così pure i discepoli dei farisei; invece i tuoi mangiano e bevono!». Da cosa si riconoscono i discepoli di Gesù: dal fatto che mangiano e bevono. Penso che questa spiritualità sia rimasta intatta per la stragrande maggioranza di noi cristiani. Ma al di là delle facili battute che possono nascere da considerazioni simili, il vangelo di oggi ci mette seriamente davanti a un grande fraintendimento della fede. Che cosa significa credere? Digiunare e fare orazioni? Se bastasse fare questo per essere credenti, avremmo ridotto la fede cristiana a una semplice tecnica o a una performance da primi della classe. Essere cristiani è sapere che “lo sposo è con noi”. È da questa presenza che la vita cambia, non semplicemente da quello che siamo capaci di fare noi con i nostri sforzi e la nostra volontà. Ciò non significa che digiunare e fare preghiere sia una cosa sbagliata, ma che il digiuno più prezioso è quello che ci fa digiunare da tutto quello che ci allontana dallo “sposo”, e che la preghiera più preziosa è quella che ci fa accorgere che “lo sposo è qui”. Pensare invece di fare delle pratiche religiose pensando che bastino quelle a renderci credenti è un po’ come dire basta aggiustare quello che facciamo per considerarci anche persone che sono diventate diverse da ciò che erano. È il cuore che deve cambiare prima ancora delle nostre azioni, perché uno potrebbe anche fare cose giuste ma solo perché ha paura e non perché ha cambiato vita. Ha ragione allora Gesù a dire che: “Nessuno strappa un pezzo da un vestito nuovo per attaccarlo a un vestito vecchio; altrimenti egli strappa il nuovo, e la toppa presa dal nuovo non si adatta al vecchio. E nessuno mette vino nuovo in otri vecchi; altrimenti il vino nuovo spacca gli otri, si versa fuori e gli otri vanno perduti. Il vino nuovo bisogna metterlo in otri nuovi”. Gesù non ha cambiato le preghiere e i digiuni dei suoi discepoli, ma il loro cuore. Preghiere e digiuni li impareranno a fare correttamente solo dopo aver incontrato questa novità.
Luca 5,33-39
#dalvangelodioggi

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA DON LUIGI MARIA EPICOCO

Tags:
vangelo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
7
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni