Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Una voragine grande come Dio nel cuore, il battesimo di Demi Lovato nel Giordano

DEMI LOVATO
Kathy Hutchins | Shutterstock
Condividi

Un anno fa un'overdose di eroina la stava per uccidere, la settimana scorsa in Israele ha fatto memoria delle sue radici cristiane ed ebraiche. Sì, Demi: l'eccesso umano è il volto negativo di un'anima assetata dell'infinito di Dio.

Il copione è molto simile nella sua parabola vertiginosamente discendente: star-bambine che si ritrovano a 20 anni a fare i conti con dipendenze e crolli emotivi. Molti anni fa accadde alla giovanissima Drew Barrymore, all’indomani del successo planetario di ET, poi negli anni anni abbiamo guadagnato familiarità con un’altra scena: queste giovani bimbe coltivate nella serra della Disney che diventano provocanti adolescenti e idoli del pop mondiale. Le chiamiamo Britney Spears, Ariana Grande, Selena Gomez, Miley Cyrus e certo ne dimentico tante altre. Oggi sulla scena mediatica torna Demi Lovato che come le sue compagne famose ha conosciuto la celebrità giovanissima e si ritrova a pagare un conto salatissimo ad appena 27 anni.

Ne aveva solo 18 quando finì in una clinica per disintossicarsi (ed è altrettanto sconcertante che ormai in rehab sia un modo di dire per indicare il momento in cui i VIP vanno in ospedale per liberarsi da droghe e depressioni). Nel 2018 fu strappata per un pelo a un’overdose di eroina. In questo periodo Demi Lovato è in Terra Santa, dove ha avuto modo di riavvicinarsi alla spiritualità cristiana ed ebraica che appartiene a lei e alla sua famiglia, ma dimenticata per anni.

Una voragine grande quanto Dio nel cuore

Sul suo profilo Instagram Demi Lovato ha postato la settimana scorsa una foto che ha fatto subito il giro del mondo, con polemica annessa.

View this post on Instagram

I am an American singer. I was raised Christian and have Jewish ancestors. When I was offered an amazing opportunity to visit the places I’d read about in the Bible growing up, I said yes. There is something absolutely magical about Israel.  I’ve never felt such a sense of spirituality or connection to God…something I’ve been missing for a few years now.  Spirituality is so important to me…to be baptized in the Jordan river – the same place Jesus was baptized – I’ve never felt more renewed in my life. This trip has been so important for my well-being, my heart, and my soul.  I’m grateful for the memories made and the opportunity to be able to fill the God-sized hole in my heart. Thank you for having me, Israel 💗

A post shared by Demi Lovato (@ddlovato) on

Sono una cantante americana. Sono stata cresciuta nella tradizione cristiana e ho radici ebraiche. Quando mi è stato chiesto di visitare i luoghi di cui avevo letto nella Bibbia, ho detto sì. C’è qualcosa di assolutamente magico riguardo a Israele. Non ho mai sentito una spiritualità e una vicinanza a Dio così forte … era qualcosa di cui sentivo la mancanza da qualche anno.  La spiritualità è molto importante per me … essere battezzata nel fiume Giordano – lo stesso luogo dove fu battezzato Gesù – non ho mai sentito la mia vita più rinnovata di ora. Questo viaggio è stato importantissimo per la mia salute, il mio cuore, la mia anima. Sono grata dei ricordi che ho raccolto e dell’opportunità di riempire quella voragine grande come Dio nel mio cuore. Grazie di avermi ospitato, Israele.

Di fronte alle rivelazioni intime di un personaggio pubblico, che di solito vediamo vestire panni agli antipodi da una qualunque sensibilità spirituale, si dubita, si resta perplessi. Ma a dire il vero la faccenda è per tutti così: c’è questo velo tra l’anima e l’apparenza, nessuno tranne Dio può leggere nei cuori. Possiamo attribuire più o meno autenticità a questa esperienza personale, resta invece azzeccata l’immagine che la Lovato usa: il cuore il cui spazio vuoto è grande quanto Dio. Che sia un’intuizione personale, che sia il richiamo all’inquietudine agostiniana, che sia altro, è bello vedere campeggiare queste parole sui giornali di mezzo mondo. Finalmente qualcosa che ci scuote dal torpore. Finalmente è scritto nero su bianco qualcosa di attuale, autentico, profondamente umano – a prescindere anche da chi lo ha detto.

La nostra voragine, lo spazio vuoto del nostro intimo, non è XL ma semplicemente X, dipende da un’unica incognita: Dio. Lui è l’unità di misura da cui dipende il fattore infinito del nostro bisogno e del nostro desiderio. Se da incognita diventa esperienza e incontro possibile su questa terra, allora il cammino complicato di ogni giorno è salita al cielo. Sì, Demi, grazie di avercelo ricordato una volta di più. Non meno vero è ciò che deriva da quella prima constatazione: tutto quello che di grande e immenso ci offre il mondo non potrai mai colmare la voragine.

Ma mentre rimanevo colpita da queste parole di Demi Lovato, l’attenzione mediatica – chissà perché – rimaneva esterefatta da un altro dato: Israele. In breve, questa confessione personale è stata interpretata come una dichiarazione politica irrispettosa nei confronti dei Palestinesi. Prontamente Demi Lovato si è dovuta scusare, ribadendo che si trattava solo di un’esperienza spirituale personale. Lascerei cadere questa deriva polemica, che pare assai esagerata rispetto al dato di partenza. Più interessante è abitare ancora un po’ in quella voragine che tutti ci accomuna.

L’infinito e l’overdose

In questi mesi sto riscoprendo la figura di Oscar Wilde, grande autore il cui profilo umano è tuttora ampiamente traviato da una lettura riduttiva (lo si crede una grande fucina di aforismi, oppure un eroe della causa LGTB). Se Oscar Wilde ha ancora tanto da dire all’uomo di oggi non è per la sua verve linguistica né per i suoi amori omosessuali, ma per le ferite (curate in extremis) della sua anima tormentata. Profondamente affascinato e attratto dal cattolicesimo, lo rifiutò per inseguire il successo (fu poi Battezzato sul letto di morte). E la fama e la ricchezza di questo mondo gli diedero tutto ciò che era in loro potere: visibilità, dissolutezza e infine disperazione.

Essendo un uomo acutissimo d’ingegno, intuiva benissimo il cardine su cui si regge l’intera sfida umana (… altra cosa è volerla accettare; l’occhio discerne ma la libertà può restare immobile). Lontano dalla verità di Cristo scrisse di sé in un verso de La Sfinge:

il mio cuore è come un paese straziato dalla carestia

Era un artista dalla stella in ascesa, un talento che cominciava a raccogliere gli applausi della società. Eppure. Eppure si sentiva in carestia. Non siamo anni luce distanti dall’intuizione di Demi Lovato. E’ il bello di un’anima God-sized (a misura di Dio): rende simili i sommi poeti e le pop star, i capi di stato e i santi. Insomma, quel verso di Wilde è il negativo delle foto delle riviste patinate, la parte autentica della finzione esibita sotto i riflettori. La star del momento sorride, ma dietro può esserci un’anima carente del necessario.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.