Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Novelli sposi turchi hanno trascorso il giorno delle nozze nutrendo 4.000 rifugiati siriani

Condividi

La coppia, che ha celebrato il matrimonio nella provincia turca di Kilis, alla frontiera con la Siria, ha invitato 4.000 rifugiati a festeggiare con lei

Una coppia di novelli sposi turchi ha deciso di condividere la gioia del suo matrimonio con 4.000 rifugiati siriani. Le nozze si sono celebrate in una località vicina alla frontiera con la Siria, e la coppia ha deciso di invitare i rifugiati fuggiti dal loro Paese all’inizio della guerra civile. La Turchia ospita quasi 2 milioni di rifugiati siriani, e la provincia di Kilis 4.000.

È stato il padre dello sposo, Ali, a dare l’idea di condividere le nozze con i più poveri e bisognosi, con la speranza che altri seguano l’esempio di suo figlio e della moglie, e ha detto che era felice che la coppia potesse iniziare la sua vita insieme con questa iniziativa disinteressata. Gli sposi stessi hanno voluto servire il cibo agli invitati.

La coppia ha lavorato con una ONG di rifugiati, Kimse Yok Mu, e ha usato il denaro ricevuto come regalo dalla famiglia a questo scopo.

“Quando mio marito mi ha proposto l’idea sono rimasta sorpresa, ma dopo un po’ mi sono convinta. È stata un’esperienza bellissima. Sono felice di aver avuto l’opportunità di condividere il nostro banchetto nuziale con persone che ne hanno davvero bisogno”, ha affermato la sposa.

Lo sposo ha detto che è stato molto contento di vedere gli altri che stavano bene e si divertivano. “Vedere la gioia negli occhi dei bambini siriani non ha prezzo. Abbiamo iniziato il nostro viaggio verso la felicità rendendo felici gli altri, ed è fantastico!”

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni