Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il gusto della vita: le migliori risposte alla torta abortista di Miley Cyrus

MILEY CYRUS, CAKE, LIFE
Shutterstock - Save The Storks | Instagram
Condividi

Una giovane ha replicato alla celebre attrice e cantante americana: sostenere la vita è sostenere le donne. Un’altra ragazza ha mostrato la “torta” che le ha salvato la vita: l’adozione è un’opzione.

Ha suscitato una tempesta mediatica lo scatto fotografico in cui Miley Cyrus ha celebrato l’aborto mostrandosi intenta a gustare una torta: avevamo già accennato all’evidenza che proprio questa foto è un autogol enorme per il grande mercato dell’ideologia abortista. Ne emerge un’immagine svilente di donna ridotta a immagine sessualmente ammiccante e preda di bugie “dolci” ma nefaste.

Leggi anche: Netflix, Disney & Co boicottano la Georgia: quanto accanimento contro la vita!

L’immagine della torta, in sé, è un epic fail per chi sostiene che l’aborto sia un diritto: il primo pensiero va ai compleanni e alle candeline da spegnere. Tutti lo abbiamo fatto, tutti noi che siamo nati. Perché per aver una torta di compleanno bisogna nascere. Allora è bene ricordare che mentre in America spopola ancora la faccia della giovane Miley che lecca la torta, appena due anni fa fu impedito a un gruppo di sostenitori della vita di partecipare a una parata nella città di Alberta con un carro che trasportava una torta gigante in cartone e la scritta: “Tutti meritano un compleanno”. C’è molto da meditare sulla violenza ingiustificata con cui si mettono a tacere certe voci, ritenute così pericolose perché, anziché gridare delle assurde congetture astratte (“l’aborto è per la salute della donna”), ricordano delle disarmanti evidenze inoppugnabili (perché festeggiamo il compleanno se non per dire che nascere è una cosa meravigliosa?).

Ma vi proponiamo qui sotto alcune delle migliori risposte per immagini all’azzardo esclusivamente a fine di lucro (la foto è parte di una campagna pubblicitaria di Planned Parenthood e Marc Jacobs) di Miley Cyrus. Questo a testimonianza del fatto che la cultura per la vita ha un’energia disarmante da donare al mondo, proprio perché l’avventura più interessante del mondo contemporaneo è ricordare all’uomo le evidenza apparentemente più scontate eppure quotidianamente messe sotto attacco da un’ideologia puramente astratta.

l'aborto non è per la salute della donna

Il post è diventato virale su Twitter, si stenta a trovare l’originale ma il senso non cambia: con un veloce fotomontaggio lo scatto originale di Miley è stato corretto con un grosso NOT. Il gigantesco abbaglio con cui si vogliono ingannare le donne più fragili è che l’aborto sia una forma di tutela della salute della donna. Proprio pochi mesi fa l’avvocato Micaletti ci aiutò a sgretolare questo falso mito, mostrandoci a suon di leggi scritte nere su bianco che proprio una cultura sempre più permissiva sull’aborto fa sì che sia consentito di eseguire questi interventi medici anche a figure professionali inadeguate che potrebbero mettere le donne in serio pericolo di vita.

Leggi anche: La legge sull’aborto di New York è molto pericolosa per la salute della donna

Il vero soggetto della foto: il bambino

Il gruppo americano Students for Life ha ribaltato completamente il messaggio, rimettendo al centro del discorso il soggetto che si vuole tenere fuori dalla discussione sull’aborto, il bambino. Fa parte anche lui della questione, anzi è proprio il centro di tutto … e corre il rischio di essere solo una vittima tenuta colpevolmente nascosta, invisibile. Dal punto di vista del più piccolo cambia completamente l’orizzonte di sguardo: la torta diventa il boccone amaro di una violenza egoistica.

Leggi anche: Facile programmare un aborto, molto meno aiutare una mamma a partorire una figlia malata

Una donna in attesa è già madre

Una giovane ventenne americana di nome Rachel ha condiviso un’altra evidenza, scrivendo un messaggio sulla sua torta fatta in casa: una donna incinta è una madre. Ecco un’altra sfida positiva da rilanciare nel dibattito pubblico. Perché tacere quello che ogni donna sente benissimo dentro le proprie viscere? La maternità accade nel momento stesso in cui accade il concepimento. Ma sappiamo bene, ce lo insegna l’esperienza dei CAV, che oggi è un compito importante riuscire a far “nascere le mamme”, cioè non seppellire le donne in attesa sotto il peso ingombrante dello slogan “il mio corpo, la mia scelta”.

sostenere la vita è sostenere la donna

Catherine Hadro, conduttrice americana di un programma dedicato al sostegno alla vita su EWTN, si è fatta scattare una foto per il suo profilo Instagram con una torta che racconta un’altra verità: l’aborto è sempre una ferita per la donna che lo sceglie, aiutare le donne a poter accogliere una gravidanza magari difficile è il vero modo di stare dalla loro parte. L’orizzonte più autentico di ogni maternità è non tagliare il nesso donna – bambino spacciandolo per un vincolo facile da rimuovere e dimenticare.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.