Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 24 Novembre |
Santi Andrea Dung Lac e 116 compagni
home iconFor Her
line break icon

Netflix, Disney & Co boicottano la Georgia: quanto accanimento contro la vita!

CYRUS, DISNEY, NETFLIX

Shutterstock

Annalisa Teggi - pubblicato il 06/06/19

Dicono che si ritireranno dagli Stati che non garantiscono il diritto all'aborto, cioè fuggono da dove si riconosce che il battito cardiaco è vita. Non si rendono neppure conto che le loro scelte discriminano le donne in difficoltà.

Mamma mia, quanto spingono e strattonano, sembra di essere a un concerto. Tutti in prima fila – non si riesce a star dietro al conto – a schierarsi contro lo Stato della Georgia, il cui governatore Brian Kemp ha firmato lo scorso 7 maggio una legge che tutela il nascituro: vieta l’aborto quando è possibile rilevare il “battito cardiaco” del feto.


Bertrand de Rochambeau

Leggi anche:
L’aborto è omicidio, dice un medico francese. E così difende il feto e la libertà di coscienza

Tutti chi, poi? Tutti? Pochi, molto pochi a dire il vero. Però fanno molta scena. E soprattutto ci sanno fare con le parole e le immagini. È il carrozzone scomposto e artefatto di Hollywood che minaccia a suon di spot e altoparlanti mediatici di boicottare gli Stati (… anche l’Alabama è nel bersaglio) in cui la salute della donna non sarà garantita. Comodo metterla giù così, cari miei. In realtà, voi state dicendo che starete alla larga da quei ritagli di società umana in cui un battito cardiaco significa vita. Allora, forse, è davvero una buona notizia che la babele di Hollywood stia lontano da lì.

La bufala della salute

Il giochetto è facile, all’inizio lascia un po’ confusi, ma è facile smontarlo. Nella sezione «salute» di certe riviste ci si imbatte in articoli che presentano in copertina l’immagine di una serie TV famosissima, ad esempio Strangers Things. Avranno sbagliato a impaginare? Assolutamente no. Vogliono proprio che la notizia riguardi la salute; grandi colossi dell’industria cinematografica come Netflix, Disney, Warner ce l’hanno così a cuore da cambiare strategie aziendali pur di tutelare le donne. Non metterenno più piede in Georgia, set di molte serie televisive gettonatissime.


NICK, HOOT, WRESTLER

Leggi anche:
Sopravvissuto a un aborto, ora Nick Hoot è un campione del combattimento

Ma perché questa attenzione alla Georgia? Perché ci sono in ballo molti soldi. La Georgia infatti ha una legislazione che dal punto di vista fiscale favorisce l’industria dell’intrattenimento: grazie a ciò sono stati creati 92 mila posti di lavoro e un introito di più di 4,6 miliardi di dollari dal 2008. Con lo spauracchio di ritirare le riprese dallo Stato, Netflix & Covorrebbero imporre l’agenda abortista al paese. Strano, però, che a una domanda altrettanto lecita sulle donne, le medesime case di produzione rimangano in silenzio stampa (forse senza parole?):

In questo caso, significa che i potenti di Hollywood stanno considerando spostamenti che si tradurrebbero per molti lavoratori della Georgia nella perdita del sostentamento – in molti casi, proprio quelle lavoratrici i cui diritti riproduttivi sono al centro della legge sull’aborto. Si può davvero stare dalla parte delle donne della Georgia paventando di lasciarne migliaia senza lavoro? A questa domanda Disney, Netflix, CBS, NBC Universal, Showtime, AMC, Sony Pictures e WarnerMedia hanno rifiutato di commentare o sono state in silenzio stampa. ( da The Atlantic)

Pur di dar loro il diritto di abortire, le lasciamo senza lavoro. Ecco il cortocircuito mentale. Il silenzio stampa è comprensibile; loro, mica ci avevano pensato alle donne che lavorano. Ecco la bolla di sapone che scoppia: questa campagna mediatica fatta di attrici che ostentano ricchezza da tutti i pori e poi dicono una frasetta da paladine dei diritti (quali poi?) non ha nulla a che vedere con l’aiuto alle donne con una gravidanza difficile. Per loro esiste l’aborto come bandiera, non le apprensioni di una donna in carne e ossa … che magari il bambino lo terrebbe se avesse un lavoro o i mezzi per allevarlo. Ci saremmo anche parecchio stufati di sentirci fare la morale da chi ci butta in faccia una ricchezza sfacciata e per lavarsi la coscienza fa qualche battaglia sociale.

View this post on Instagram

A post shared by Lady Gaga (@ladygaga)

Care Lady Gaga e Rihanna, mi dispiace ma è poco credibile che voi abbiate una reale percezione di quale piaga sia l’aborto: chi lavora nei CAV ci dice che la causa prevalente per scegliere l’aborto è proprio legata a indigenza economica. La domanda vera, per chi è impastato di realtà è: come aiutiamo queste mamme?


YOUNG WOMAN WITH DEPRESSION

Leggi anche:
CAV Mangiagalli, un giorno qualunque. Una donna chiede di essere ascoltata perché incinta

La rivoluzione è popolare

Quando qualcosa di tremendo e violento minaccia la società civile, il popolo insorge. Ce lo insegna la storia, le rivoluzioni sono popolari. Non mi è mai capitato di studiare grandi sommosse  cominciate dai cortigiani che si abbuffano a corte. Quando lo show business si mobilita in modo così compatto c’è qualcosa di diverso da una vera apprensione umana in gioco. In uno spettacolo pirotecnico gli ultimi fuochi artificiali sono quelli più luminosi e più rumorosi; prima di scappare, l’esercito fa esplodere tutte le munizioni rimaste per non lasciarle al nemico. Ecco a cosa assistiamo: a una ritirata in pompa magna. L’ideologia abortista è perdente, in America la maggior parte della popolazione è pro-life e i sondaggi sono in crescita (ce lo documentò Massimo Micaletti parlando della legge sull’aborto nello Stato di New York). Quanto guadagna l’economia che ruota attorno all’idolatria dell’aborto? Quante perdite finanziarie produce una cultura fondata su vita e famiglia per chi specula su cibo monoporzione e pillole abortive?

Queste dive imbellettate che minacciano di fare sciopero del sesso e giocano a inventare ogni fantasiosa forma di protesta a favore dell’aborto (sempre con l’acconciatura perfetta e un makeup da urlo) sono gli ultimi fuochi artificiali di un esercito in ritirata. Artificiali lo sono davvero. Urlano da ogni schermo possibile, ma lì restano. Sullo schermo. La realtà è altrove, e parla un’altra lingua. Sperano di plagiare qualcuno col sillogismo scemo “Strangers Things è bello – grazie Netflix! –  per vederlo devo sostenere l’aborto“. Hanno dimenticato che da secoli e secoli il popolo pratica una salutare trovata chiamata “smentire il profeta”:

I giocatori ascoltano con molta attenzione e molto rispetto tutto ciò che la gente saputa ha da dire circa l’avvenire della generazione prossima; poi, aspettano che la gente saputa sia morta, e la seppelliscono con cure premurose; poi fanno il contrario di ciò che gl’indovini avevano previsto. (Da Il Napoleone di Notting Hill di G.K. Chesterton)




Leggi anche:
Andrea Roncato: l’aborto è stato l’errore più grande della mia vita

Una rivoluzione di cortigiani prezzolati, e al soldo di speculatori che nutrono le loro vite coccolate di lusso, è una truppa di mercenari che difende un’élite a cui fa comodo avere un gregge di spettatori infelici e suggestionabili; la loro non è una rivoluzione. Quando il popolo sentiva calpestata la propria umanità ha dato segni ben più audaci, senza sorridere a favore di telecamera. E il popolo sta in effetti facendo una rivoluzione (nel quotidiano, una casa per volta, una vita per volta), solo che è quella opposta alla cultura della morte.

  • 1
  • 2
Tags:
abortodonnehollywoodnetflix
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
KSIĄDZ PRZY OŁTARZU
Padre Bruno Esposito, OP
Breve ‘Vademecum’ per la nuova edizione del M...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
TEENAGER
Tom Hoopes
I 7 doni dello Spirito Santo rispondono a 7 n...
Giovanni Marcotullio
Vi spieghiamo perché la Messa comincia con il...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni