Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 22 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
Aleteia logo
home iconFor Her
line break icon

Ci sono bambini che nessuno vuole, ma la casa di Chiara è aperta a tutti

BAMBINI, PANCHINA, ATTESA

Piron Guillaume | Unsplash

Annalisa Teggi - Aleteia - pubblicato il 18/04/18

A Trieste, marito e moglie hanno adottato cinque figli con questa certezza nel cuore: tutto è per il nostro bene, accogliamo senza porre limiti di età, provenienza, salute

Ci sono attorno a noi storie di accoglienza quasi folli, gente che senza superpoteri mette in piedi luoghi di bene condiviso, inimmaginabili a priori eppure così vivi e vegeti a posteriori.
È il caso di Chiara e Adriano che vivono a Trieste e si ritrovano a festeggiare quasi 30 anni di matrimonio insieme a cinque figli adottivi, ciascuno dei quali è una storia bellissima a sé. Li ho conosciuti grazie a un’amica che sta cominciando il percorso dell’adozione, un tema bellissimo in astratto e poco conosciuto nella sua declinazione concreta. Ecco il frutto di una chiacchierata che mi ha lasciata a bocca aperta, e grata.

Cara Chiara, noi di Aleteia stiamo creando uno spazio editoriale per raccogliere storie di madri e ospitalità. Mi racconti come è nato questo tuo progetto familiare così grande e impegnativo?

Questo non era il progetto mio e di mio marito, va detto. Ci siamo sposati nel 1989 e davamo per scontata la presenza dei figli; non sono arrivati. Il giorno dopo il nostro terzo anniversario di matrimonio abbiamo portato in tribunale la domanda di adozione; abbiamo maturato insieme e naturalmente questa scelta, ma non nascondo che quei primi tre anni siano stati difficili: vedere le amiche sposarsi e fare figli a go go, ecco sono stata male. Ma devo a Don Giussani la grazia di avermi illuminato con le sue parole: «tutto è per il nostro bene». Di fronte a questa ipotesi si è spalancato per me un percorso positivo, quasi avventuroso; mi dicevo: se tutto è per me, allora chissà cosa accadrà?


CARA BROOKINS

Leggi anche:
Una casa dal nulla? Sì, ma con l’aiuto dei figli e dei tutorial di Youtube

E cosa è accaduto, come avete affrontato l’esperienza dell’adozione?

Eravamo giovani, io e Adriano: andavamo ai colloqui spavaldi e insieme pieni di timori. Ingenui e pimpanti, ecco. Avevamo chiare due cose per noi imprescindibili: non avremmo avuto un figlio solo e non avremmo mai strappato un bimbo dalle braccia di una mamma. I figli unici non fanno parte della nostra storia e chi sarebbe entrato nella nostra casa doveva essere qualcuno che non aveva più nessuno. Per tutte e cinque le adozioni fatte, non abbiamo mai scelto nessuno: abbiamo sempre accolto quello che ci veniva proposto, sicuri che fosse un bene per noi. Spesso ci si avvicina all’adozione pensando che sia l’ultima spiaggia, ma non è così. Nel tempo mi si è chiarita la certezza che l’adozione non è «i figli che non abbiamo avuto». È invece accoglienza e conoscenza reciproca: tu non conosci il figlio che arriva e lui non conosce te.

Conosciamo meglio questi bambini che sono arrivati?

I primi tre sono arrivati dall’India, in tempi diversi. La prima ora è grande ed è mamma a sua volta. Di lei ricordo tutto, perfettamente, proprio come capita per i primi figli. Ho la percezione ancora viva dell’orgoglio che ho sentito la prima volta che me l’hanno messa in braccio: finalmente c’era qualcuno che potevo accudire! Poi due anni dopo è arrivato il secondo, fin da subito ci è stato chiaro che aveva qualche problema di salute, però non abbiamo mollato. Io e mio marito siamo medici e ci siamo detti che avremmo avuto le risorse per curarlo.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
adozionedisabilifamiglia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
VENEZUELA
Ramón Antonio Pérez
Quando la vita nasce dall’abuso atroce di una ragazza disabile
3
MARCELLO BELLETTI
Annalisa Teggi
Un padre, una madre e 7 figli. Non è follia ma sovrabbondanza
4
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
5
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
6
SQUID GAME, NETFLIX
Annalisa Teggi
Squid game, il gioco al massacro è un mondo senza misericordia
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni