Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 28 Febbraio |
Sant'Auguste Chapdelaine
home iconStorie
line break icon

Il paracadutista che atterrò su una chiesa: la storia dietro il D-Day

SAINTE MERE EGLISE CHURCH

Elliesram13|Wikipedia|CC BY-SA 3.0

John Burger - pubblicato il 05/06/19

Uno degli eventi più strani ha avuto luogo a Sainte-Mère-Église

Uno degli episodi più strani della II Guerra Mondiale ha avuto luogo nella cittadina francese di Sainte-Mère-Église. Durante l’invasione della Normandia del 6 giugno 1944, i paracadutisti delle forze alleate scesero sulla città nel cuore della notte.

Alcuni edifici erano in fiamme, e quindi la luce che sprigionavano rendeva i paracadutisti facili bersagli per le forze tedesche che occupavano la cittadina. Alcuni vennero risucchiati dalle fiamme, altri rimasero appesi ad alberi e pali e furono uccisi a colpi di arma da fuoco prima di riuscire a liberarsi.

Il paracadute di John Steele, del 505° Reggimento Paracadutisti, rimase impigliato sulla guglia della chiesa. Restò lì per due ore, fingendo di essere morto, prima che i tedeschi lo facessero prigioniero. In seguito fuggì e si ricongiunse alla sua divisione quando le truppe statunitensi attaccarono il villaggio, catturando 30 tedeschi e uccidendone altri 11. L’episodio è stato immortalato nel film Il Giorno Più Lungo, con l’attore Red Buttons a interpretare Steele.

La chiesa di Sainte-Mère-Église risale al XII secolo. Nel corso degli anni sono stati talmente tanti i turisti che chiedevano ai locali dove fosse “la chiesa del paracadutista” che un comitato cittadino ha deciso di appendere un manichino di nome “Big Jim” al campanile in memoria di John Steele. Il paracadute, l’uniforme e l’equipaggiamento del manichino vengono cambiati due volte all’anno per via del clima piovoso della zona.

Sainte-Mère-Église ha finito per essere la prima cittadina liberata dagli Alleati, e la sua chiesa ha un ruolo di spicco nelle commmorazioni annuali dell’Operazione Overlord. Il 25 maggio è stata la meta di una Marcia Internazionale per la Pace iniziata a Utah Beach, e il 31 ha ospitato un Concerto Internazionale per la Pace. Il 6 giugno nella chiesa verrà celebrata una Messa speciale, e domenica 16 giugno ne verrà celebrata una con la partecipazione di un coro polifonico.

Tags:
seconda guerra mondiale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
4
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
5
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
6
Paola Belletti
Aiutiamo Debora Vezzani? Tutta la famiglia con il Covid, lei la p...
7
Gelsomino Del Guercio
Congo, Attanasio salvò dal Covid suor Annalisa. “Devo a lui la mi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni