Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come si smette di avere paura di poter fallire?

Condividi

Ecco alcuni esercizi per star meglio anche di fronte ai “no”

La paura di fallire che ci scuote dentro, che non ci fa vivere serenamente. Come affrontarla e superarla? Lo psicoterapeuta Pasquale Ionata risponde con un’analisi molto efficace nel suo nuovo libro Accogli ciò che è” (Città Nuova).

Lo psicoterapeuta parte da un presupposto: per quanto ci sforziamo di tenere il mondo che ci circonda sotto controllo e di renderlo più razionale, prevedibile, c’è sempre qualcosa che va storto. Infiniti sono gli esempi della capacità di accettare e vivere il lutto delle perdite, delle sconfitte, dei tradimenti, delle bocciature, dei fallimenti, delle delusioni, delle incomprensioni, dei rifiuti, delle separazioni, dei divorzi, dei traumi, che continuamente interferiscono con le nostre esistenze.

Quando si verificano dei “no” con il “no” entriamo in uno stato reattivo o respingente, forse con elementi di lotta, fuga, o congelamento. Ma cosa è necessario sapere per smettere di avere questa paura del fallimento?

TRUDNE EMOCJE NA TERAPII
ESB Professional | Shutterstock

Feedback, non fallimento

Per prima cosa è necessario convincersi che: “Non esiste fallimento, ma solo feedback”, e questa convinzione è semplicemente il modo più funzionale di concepire il fallimento.

Quando fallisci in qualcosa, ciò che accade è che non raggiungi il risultato desiderato, tutto qui. Al suo posto, ottieni un risultato diverso. In sostanza, ricevi delle informazioni che ti dicono che ciò che hai fatto non ha funzionato e che devi provare a fare qualcosa di diverso. Il fallimento è soltanto un feedback che può aiutarti a fare meglio, e così ogni volta che non riesci in qualcosa hai un’opportunità rara e senza precedenti di imparare una cosa nuova.

Leggi anche: Come una vita di apparenti fallimenti ha cambiato il mondo

Allenarsi a “fallire”

Se ci si riflette bene, il fallimento è quasi inevitabile per la maggior parte dei compiti da svolgere. Ma è così che si impara a fare meglio qualcosa, a diventare più capaci. Più si fallisce, più si hanno informazioni che possono aiutare a rimettere le cose a posto. Quindi bisogna allenarsi a “fallire” il più possibile e ricordarsi che ogni persona di successo ha fallito più volte di quante sia riuscita a realizzare i propri obiettivi. I bambini non sentono di aver fallito, se non riescono a camminare la prima volta che ci provano. Continuano a provarci finché non ci riescono.

La perfezione che non esiste

Un’altra cosa da ricordare è che spesso il senso di falli- mento colpisce le persone perché queste si sforzano di raggiungere la perfezione. Quando non riescono a fare una cosa perfettamente, vedono la loro mancanza di successo come un problema immenso. È importante rendersi conto che se qualcosa fosse perfetto, non potrebbe migliorare; se non potesse migliorare avrebbe un limite, e tutto ciò che ha un limite non può essere definito “perfetto”.

Leggi anche: Un film racconta i fallimenti di Sant’Agostino prima di incontrare Dio

La domanda che bisogna porsi

Per sintetizzare, invece di chiedersi immediatamente il “perché” di un determinato risultato, bisogna domandarsi: “Cosa devo fare di diverso la prossima volta per riuscire a ottenere il risultato che voglio?”, tenendo sempre a mente che non esistono insuccessi, ma soltanto soluzioni inefficaci.

Uno dei comportamenti maggiormente rivelatori del fatto che ci troviamo in uno stato di benessere, di apertura e di modalità dell’essere, è dimostrarsi gentili nei confronti di se stessi, in quanto così ci si contrappone alla tendenza che abbiamo tutti a essere troppo duri, trascorrendo molto tempo a criticarci e rimproverarci.

Questo atteggiamento mentale di “apertura” e di “modalità dell’essere” esclude la presenza in noi della paura del fallimento e rinforza in maniera creativa e positiva la stessa “modalità del fare”, sviluppando sempre più il desiderio di riuscire, il desiderio di farcela.

Leggi anche: Accumulo un fallimento dopo l’altro, come mantenere vive la passione e la voglia di lottare?

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.