Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 01 Febbraio |
Beata Anna Michelotti
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Maria Rosaria e Giovanni: l’infertilità è stata una ferita ma Dio ci ha donato la fecondità!

img-20190510-wa0014.jpg

Maria Rosaria e Giovanni Gentili

Silvia Lucchetti - pubblicato il 18/05/19

Il diario di bordo del viaggio Italia-Colombia della seconda adozione di una coppia di sposi che non ha maledetto la propria storia ma si è lasciata guidare da Dio.

“Un rapper alieno è atterrato nella nostra famiglia. Diario sincero di un’adozione internazionale” (Tau edizioni) di Maria Rosaria Fiorelli e Giovanni Gentili è un libro emozionante che mescola drammaticità, simpatia, gioia, paura, amore e fede. Ogni pagina raccoglie una lode a Dio, una preghiera di aiuto e di affidamento, perché Maria Rosaria e Giovanni hanno capito che la vera felicità è una: fare la volontà del Padre. Il libro raccoglie il diario di bordo del viaggio Italia-Colombia della seconda adozione di questa coppia di sposi che non ha maledetto la propria storia quando, dopo il matrimonio, ha sperimentato il buio dell’infertilitàsine causa, ma si è lasciata scombussolare e guidare da Dio con umiltà e pazienza abbandonando i propri piani per conoscere quelli inaspettati e bellissimi del Signore. Pagine intense che narrano in presa diretta l’avventura vissuta dalla famiglia Gentili, mamma, papà e Nicola (il primo figlio adottivo) per andare a conoscere Julio.

Ho avuto il piacere di intervistare Maria Rosaria partendo dalle emozioni e dalle intuizioni spirituali che sono seguite alla scoperta dell’infertilità.

Nel libro ad un certo punto scrivi:

L’infertilità è stata una ferita che, come ogni taglio, è venuta a rompere qualcosa, ha spezzato i nostri progetti, ci ha messo di fronte ad una resa: la necessità di consegnarli ad un Altro. Non erano più nostri. Così, scopri che la fecondità è molto di più della fertilità, perché, se è vero che la vita non passa dal tuo corpo, passa, tuttavia, dalla tua coppia, da quel “sì” pronunciato all’inizio e si nutre di tanti altri “sì” fino al punto che l’amore trabocchi nella possibilità di donarsi agli altri, ad un altro, ad un figlio.

Come avete reagito inizialmente alla scoperta di essere una coppia infertile?

L’infertilità per noi è stata una scoperta inattesa, perché non lo sapevamo prima di sposarci, e così dopo il matrimonio abbiamo aperto i cantieri e ci siamo trovati di fronte questa realtà. Nel tempo abbiamo realizzato che era un dato di natura, e non era né l’unica né l’ultima parola sulla nostra storia di sposi e di genitori. L’infertilità non è stata per noi solo uno stato fisico, ma qualcosa che ci ha coinvolti come coppia, e come uomo e donna singolarmente e in modo diverso. Mio marito ha rischiato di sovrapporre il concetto di virilità, di forza e di potenza con la sua infertilità: sentiva minata la sua sicurezza, il suo ruolo nella nostra famiglia. Io guardavo le donne come fossero tutte grandi uteri, pensavo che tutte avrebbero potuto dare la vita tranne me, e mi dicevo: “prima o poi Giovanni guarderà un’altra”. Anche se non ero io la causa della nostra infertilità mi capitava di pensarlo. Come coppia invece abbiamo dovuto rivalutare tutto, ci siamo sposati con un progetto, con un sogno, e poi davanti a questa situazione abbiamo dovuto ripensarlo. Avevamo le nostre idee, le nostre aspettative, abbiamo dovuto immaginarle di nuovo perché il Signore ne aveva altre, aveva pensato per noi la genitorialità ma in un altro modo.




Leggi anche:
Come si fa a ringraziare Dio per la propria sterilità? La storia di Michela e Christian

Qual è stato il momento più doloroso?

C’è un evento che io ricordo veramente con dolore quando nel 2013 – avevamo già Nicola con noi, ma desideravamo un altro figlio – facemmo un pellegrinaggio per famiglie in Terra Santa, e giunti alla grotta dell’Annunciazione ci fecero meditare il passo di Luca “Maria diede alla luce”. Quel momento è stato uno dei peggiori della mia vita, perché la Madonna concepiva ed io non concepivo. Non avevo ancora capito quella Parola, quel “concepire”, quel prendere dentro, prendere con sé, che è anche un po’ quello che fanno i genitori adottivi, in modo del tutto simile ai genitori naturali, quando devono fare spazio non nel ventre, ma nella vita, nei progetti, nelle abitudini, nel cuore al bambino che accolgono.

Come siete arrivati a capire che l’adozione era la strada che il Signore aveva pensato per voi?

È stato un discernimento, anche per la seconda adozione, è stato un discernimento continuo. Nel nostro caso abbiamo cominciato a pensare all’adozione grazie al mio ginecologo. È stata la prima volta che la parola adozione è risuonata nelle nostre orecchie, ma non avevamo idea di cosa fosse realmente: allora abbiamo cercato il numero del servizio territoriale di Perugia per chiedere informazioni. Ci ha accolto un assistente sociale invitandoci a fare il corso obbligatorio che solitamente si comincia dopo aver consegnato i documenti per l’adozione. E da quel corso è nata una prima idea che forse l’adozione era la nostra prospettiva. Dopo aver preparato i documenti abbiamo aspettato 4 mesi per consegnarli, avevamo le nostre paure, i nostri dubbi, c’è voluto tempo, perché ad ogni step abbiamo avuto necessità di fare discernimento. A mio parere è un bene che i tempi dell’adozione siano lunghi, perché è necessario alla coppia per prepararsi, per comprendersi, ci vuole tanto lavoro interiore, devi scoprire la tua chiamata.




Leggi anche:
La vera fecondità: la storia di Laura e Filippo

Come è stato accogliere Nicola, il vostro primo figlio?

Abbiamo accolto Nicola che era molto piccolo, era bisognoso di tanto affetto e tanta cura e viveva una situazione che presentava delle complessità. Il suo arrivo è stato un bellissimo tsunami emotivo e fisico, nel cuore eravamo pronti ma non nella pratica. C’era una frenesia pazzesca dentro e fuori di noi, è stato un impatto fortissimo! Con mio marito la prima cosa che abbiamo dovuto fare è stata mettere un confine rispetto a tutti coloro che per necessità e per affetto ci seguivano da vicino. Altrimenti non saremmo mai diventati famiglia. Questa è stata la prima cosa necessaria per noi, un altro passo fondamentale è stato comprendere nel tempo che eravamo ancora una coppia anche se diventati genitori, e non era un bene annullarci e totalizzarci nel ruolo di mamma e di papà. Un’altra cosa importante è stata quella di misurarci con lo stato adottivo di Nicola, quindi i primi tempi è significato convivere con il fantasma dei genitori naturali che non vedevamo, ma che avevano dato la vita a nostro figlio. E quindi fare i conti con l’idea: ma ce la faremo? saremo all’altezza? noi lo adottiamo ma lui ci adotterà? Nicola inizialmente ha accettato il papà, poi con un po’ più di tempo ha accolto anche me. Tutti e due i nostri figli hanno scelto prima il papà, e questo significa accettare che il figlio è altro da te e che ha la sua libertà. Questa cosa mi ha colto di sorpresa, perché dopo tutto il percorso che affronti ti illudi che in fondo quando adotterai verrai ripagato di quello che hai vissuto, e invece poi scopri che anche lui deve adottarti.

E poi come avete deciso di aprirvi nuovamente all’adozione?

Avevamo nel cuore questo desiderio, io fin dall’inizio, e quindi dopo qualche anno ci siamo riaperti all’adozione e abbiamo ricominciato tutto da capo con nuove paure: temevano di rompere l’equilibrio che avevamo creato con impegno, ma Dio ci ha donato degli angeli pronti a darci coraggio in ogni persona che incontravamo. Ci sono stati dubbi, combattimenti, e poco prima di partire per la Colombia per la seconda adozione si è ammalato mio padre, e così sono sorti nuovi interrogativi, è stato un discernimento continuo. Julio lo abbiamo incontrato nel settembre 2016, prima della partenza c’è stato un fermento pazzesco, eravamo pieni di paura ed allegria, cose da sbrigare e da organizzare, ci sentivamo carichi di entusiasmo e pensieri.

img-20190510-wa0000.jpg
Maria Rosaria e Giovanni Gentili

Ad un centro punto del libro e quindi del viaggio tuo marito parla delle vostre diversità:

Mai come in questi giorni sto apprezzando la diversità di Maria Rosaria, che mi e ci offre risorse inaspettate. La stessa diversità che tante volte mi fa impazzire. La diversità di Julio è ancora tutta da scoprire e da apprezzare, per ora mi sembra un “rapper alieno” capitato nella famiglia “de’ precisini”. Chissà quali risorse ci porterà in dono nel tempo.

Con Giovanni siamo veramente tanto diversi. Io sono una attiva, dinamica, aperta, molto relazionale, invito gli amici, organizzo le uscite; lui è molto riservato, sta sulle sue. Siamo tanto diversi ma in questo caso, nella seconda adozione, è stato provvidenziale perché io ho scritto più post (nel gruppo privato su Facebook in cui condividevano con gli amici la loro esperienza in Colombia ndr) che è stato il nostro filo diretto con gli amici, uno strumento preziosissimo che ci ha permesso di sperimentare una sorgente profonda di forza, di comunione, di preghiera, di Spirito Santo che ci ha sostenuto e alimentato. Lui invece è stato quello molto concreto, e ne avevamo tanto bisogno, perché Julio ci ha messo davvero alla prova: è il nostro “rapper alieno” allegro, solare, sorridente, vitale, che cerca sempre di godere e questo a noi precisini, inquadrati, normativi, veramente ci ha sconvolto. È stata una grazia però perché ci ha messo in discussione totalmente, come coppia e come individui.


ANNALISA SERENI

Leggi anche:
Annalisa Sereni: abbiamo già 7 figli…possiamo amare anche l’ottavo!

Come avete affrontato il “terremoto” dell’arrivo del vostro rapper alieno?

Julio ha evidenziato ancora di più fuori le nostre diversità: io ad esempio mi sono fatta travolgere dalla sua giocosità, dalla sua allegria, sono tornata un po’ bambina in alcune cose, mi diverto tanto; Giovanni invece inizialmente ha stretto i paletti. Poi nel tempo io ho messo in campo più le mie doti da insegnante, in primis la pazienza, mentre Giovanni ha tirato fuori la sua dote di sportivo, giocando a pallone con i figli, portandoli in bicicletta. Ognuno di noi ha tirato fuori le sue doti e si è convertito su qualcosa. Abbiamo imparato che si può ripartire ogni giorno con la fiducia: “domani ce la puoi fare”, perché se non dai speranza ai tuoi figli li condanni. È una conversione quotidiana, ricominciamo ogni giorno per dire ai nostri bambini: “Sei ok, nonostante tu sia quanto di più diverso da me esiste, vai bene. Tu sei ok perché Dio mi ha donato te”. Io invece ho dovuto superare il senso di colpa di dire: “Ti ho strappato ad un ambiente pieno di limiti ma familiare per portarti in un posto nuovo e sconosciuto dove ti senti diverso”. Ma questo senso di colpa è sparito grazie al Signore che è buono e si prende cura di me. Un giorno mentre ero ad ascoltare una catechesi di don Fabio Rosini, lui si mise a gridare: “A tutte le mamme voglio dire: ma se il Signore voleva dare un’altra madre ai vostri figli, non gliela poteva dare? Se gli ha dato voi si vede che siete quelle giuste per loro”. E da quel giorno ho detto: “Sono quella giusta per te”. Il Signore ha chiamato me ed i miei figli a questa storia. E quando Julio mi mette alla prova e mi dice di volere un altro papà e un’altra mamma, io rispondo: “no, Gesù poteva darti chiunque ed io non sono la migliore delle madri, ma la migliore per te e tu sei il figlio giusto per me”. Nel tempo ci chiede a volte di ripetergli questa cosa, ci chiede conferma, vuole essere rassicurato che noi volevamo e vogliamo ancora lui, e lo vogliamo nonostante i suoi limiti.

In che modo la fede vi ha sostenuto nel vostro percorso?

La fede ha rappresentato per prima cosa il criterio di scelta della strada, ci ha dato la certezza che il nostro matrimonio aveva senso anche senza figli nella carne, quindi non ci siamo separati né rinchiusi in noi stessi, c’era una chiamata diversa. Inoltre, tra l’inseminazione e l’adozione la fede ha avuto il suo peso, ci ha ricordato che la vita è un dono e non un prodotto. Il Signore ci ha fatto rileggere quotidianamente la nostra storia, il dito di Dio nella nostra vita ci ha permesso di vedere che quelli che sembrano inciampi magari sono semplicemente segni, questo non vuol dire che è facile, non lo dico con la poesia di una donna a cui va tutto liscio, ma con la certezza che ne va la pena. La fede ci ha aiutato a non restare soli! La figura di Giobbe ci ha aiutato e ispirato molto, perché lui non si rassegna, grida a Dio, gli chiede il perché. Avere fede non vuol dire farsi andare bene tutto, accettare le botte in testa, ma significa mettersi davanti al Signore e dire: “dammi una risposta perché qua impazzisco”. Poi però Giobbe dice: “ti ho visto, prima ti conoscevo per sentito dire”, ecco questo fa la differenza perché scopri la fedeltà di Dio che ti ha promesso pienezza e te la dà, nel modo che sceglie Lui, ma te la dà. Il Signore con noi ha mantenuto la promessa: la fecondità.

____________

Maria Rosaria e Giovanni hanno deciso di mettere a disposizione la loro esperienza creando l’associazione Rete Famiglie Adottive per poter sostenere e aiutare le coppie che devono affrontare o hanno già affrontato le loro stesse difficoltà.

ACQUISTA QUI IL VOLUME

un-rapper-alieno-c3a8-atterato-nella-nostra-famiglia.jpg
Tau edizioni

Tags:
adozioneinfertilitatestimonianze di vita e di fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni