Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Io dirò per te la messa domani”. Così Giovanni Paolo II allontanò il demonio da una donna

POPE JOHN PAUL II
Fair Use
Giovanni Paolo II: «Quelli che dicono di non pregare per mancanza di tempo mancano non di tempo, ma di amore».
Condividi

E' considerato l'ultimo esorcismo pubblico compiuto da un pontefice. La ricostruzione di quel fatto avvenuto durante un'udienza. Padre Amorth disse: sapevo dei suoi esorcismi

Un Papa esorcista. E’ accaduto nel recente passato. Oggi Papa Francesco richiama quasi quotidianamente sulla presenza e sulla esistenza del diavolo, ma 37 anni fa Karol Wojtyla lo avrebbe allontanato direttamente dal corpo di una donna. A parlarne in “Tutto sui diavoli” (edizioni Segno), gli autori Don Marcello Stanzione e Carlo Di Pietro.

“L’Esorcista in vaticano era Papa Wojtyla”. Così titolava il Corriere della Sera del 20 luglio 1993 parlando di un’indemoniata liberata dal papa Giovanni Paolo II. Del fatto ce ne informa lo scomparso arcivescovo francese, Jacques Martin, che in un libro di memorie postumo, riferisce di come papa Wojtyla abbia scacciato Satana da una donna, vittima di possessione diabolica.

La donna ossessa

«Qualche giorno fa – scrive nei suoi ricordi monsignor Martin – il vescovo di Spoleto, monsignor Alberti, è venuto in udienza dal Papa con una donna ossessa, Francesca F, che si rotolava per terra urlando. Noi dal di fuori sentivamo le sue grida. Il Papa ha cominciato a pregare, pronunciando vari esorcismi, ma invano. Soltanto quando, alla fine, il Papa ha detto alla donna: “io dirò per te la Messa domani”, improvvisamente Francesca F, liberata dalla potenza malefica, è tornata normale».

Giovanni Paolo II ha, poi, ammesso di essere rimasto «molto impressionato», spiegando che per la prima volta gli era capitato un caso simile: «Una vera scena biblica!» aveva esclamato.

SAINT POPE JOHN PAUL II
Rob Croes (ANEFO) (CC BY 4.0) via Wikimedia Commons

“Di questo non ne ero al corrente”

Don Gabriele Amorth, esorcista nella diocesi di Roma, commentando il fatto, ha detto: «Sapevo degli esorcismi del Papa del 1984 e ho saputo in seguito di altri esorcismi, effettuati da lui. Anche ultimamente. Non ero, però, al corrente di quello di cui si parla, fatto nel 1982. Non vedo in questo avvenimento nulla di eccezionale, perché Gesù Cristo esorcizzava, gli Apostoli esorcizzavano e reputo naturale che un vescovo, in quanto successore degli Apostoli, esorcizzi”.

“Razionalismo e materialismo hanno avvelenato il clero”

Alla domanda “Perché tanto interesse?” ha risposto: «Fa stupore, perché da troppo tempo nella Chiesa cattolica si è lasciata morire la missione dell’esorcismo.

Credo da 200 anni. Direi, in parte, per reazione alle esagerazioni del passato, in parte perché c’è stato un razionalismo e un materialismo, che hanno avvelenato anche il clero, per cui si è cercato di spiegare tutto con motivi naturali, indirizzando le persone, anche se possedute dal Demonio, agli psichiatri» (G. Amorth: Un esorcista racconta, Dehoniane, Roma, 1994).

GABRIELE AMORTH
Vandeville Eric/ABACA/EAST NEWS
Gratka dla tych z nas, którzy chcą wiedzieć więcej. By z pierwszej ręki, od samego ks. Gabriele, dowiedzieć się, jak wygląda świat, w którym walczy się z największym wrogiem człowieka: złym duchem. Bez niepotrzebnej taniej sensacji czy straszenia. A także okazja, by bliżej poznać motywy człowieka, który nie bał się Szatana.
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.