Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

In rete non cresce solo la violenza. Parole O_Stili, da un’idea di Rosy Russo

ROSY RUSSO

Fari Use - Rosy Russo - Facebook

Paola Belletti - pubblicato il 24/04/19

E tornando al disagio di partenza, alla violenza in Rete: le donne sono davvero vittime più predisposte? Perché secondo te? Vorrei evitare del tutto di trasformare l’uomo nell’oppressore e dividerci tra buoni e cattivi lungo barricate che invece non ci sono. La donna pure ha grandi capacità di “violenza”. Però è vero che è più tipico dell’uomo “ridurre” la donna a oggetto. E anche questo avviene prima di tutto nel suo cuore, nella sua mente. Ma la chiave non sta nel cercare semmai di ristabilire un’alleanza?
Sì, di sicuro. Le donne oggettivamente sono più spesso vittime, bersaglio. Ci sono degli studi che dicono che dopo immigrati, gay, Rom ci sono le donne tra le categorie più prese di mira in Rete; è così, non è un luogo comune. Parlando della risposta del pubblico a Parole O_Stili  abbiamo un pubblico più di donne che di uomini. Le donne sono forse più sensibili nel voler costruire, credo sia una ricchezza e che possiamo davvero fare la differenza.
Dici in un’intervista che nasciamo già con questa inclinazione, questa capacità di essere ostili, feroci. Per cui non è la Rete che rende cattivi. Resta di fatto un problema di educazione e di natura umana, non abbiamo a che fare con un’altra specie antropologica insomma, siamo sempre noi. Ma forse è questione anche di prossemica, di distanze alterate?
È una sfida educativa. Ne sono convinta. Se tu insegni che certe cose non si fanno, allora non si fanno. Il problema è che l’odio nasce fuori, fuori dalla Rete. I problemi sono dentro l’uomo e tra gli uomini; i social amplificano e con dinamiche diverse li fanno precipitare. Il problema cardine sta fuori. (e dentro l’uomo! Ndr)
Mi ha colpito questa dichiarazione, la netta consapevolezza che noi nasciamo fatti per il bene, sì, ma anche con una inestirpabile inclinazione anche al male, alla ferocia. Aleteia è un portale cattolico, ha dell’uomo questa idea e sa che le persone oggi non sono strutturalmente diverse. Gli ingredienti e i veleni sono sempre gli stessi. E anche la possibilità di salvezza!
Anche io sono cattolica e non è un caso che Parole O_Stili esista. lo dico sempre ai miei figli. Con quattro figli muniti di smartphone è diventato sfidante per me capire come accompagnarli online e offline. E dall’altra parte da credente è naturale che il mio lavoro è anche una testimonianza. È un’occasione che mi è stata data.
Ultima domanda, promesso: come mai proprio 10 i principi? Una citazione vetero testamentaria?
No, dieci perché erano proprio tutti necessari.
  • 1
  • 2
Tags:
comunicazionerelazionirete
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni