Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 09 Dicembre |
San Juan Diego Cuauhtlatoatzin
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

10 dritte di una suora per un uso sano dei social media (e il #7 è fondamentale)

WOMAN,SOCIAL MEDIA,PHONE

CC0

Suor Theresa Aleteia Noble - pubblicato il 03/07/18

Non è tanto la tecnologia che determina se la comunicazione è autentica o meno, quanto il cuore umano...

Tranne forse gli eremiti, quasi tutti al giorno d’oggi usano qualche forma di social media. Facebook, Instagram, Twitter, Snapchat, LinkedIn e altri social media sono tutti ottimi modi per stare in contatto con famiglia e amici, fare nuove amicizie e imparare qualcosa gli uni dagli altri. Sono anche modi fantastici per diffondere il Vangelo a molte persone in tutto il mondo.

I social media, però, non hanno sempre un impatto positivo sulla nostra vita. Sappiamo tutti cosa si prova quando i social media, o meglio altre persone sui social media, ci fanno impazzire. Se permettiamo ai social media di controllarci, possono influire negativamente su di noi a livello spirituale ed emotivo. Per questo motivo, è davvero importante custodire il nostro cuore e riflettere e stare attenti circa la propria vita online.

Ecco qualche suggerimento che vi può aiutare a godervi i social media, ma anche a trovare maggior equilibrio e pace nella vostra vita online:

1. Non seguite le persone arrabbiate.
Non riempitevi la testa di post e commenti di persone che ne attaccano altre, che sono pessimiste, provocatrici, arrabbiate o tendono a dividere, o i cui punti di vista mancano di compassione, sfumature o riflessione. Non avete bisogno di persone di questo tipo nella vostra vita online o in quella reale.

2. Decidete di seguire persone sante e ispiratrici.
Seguite le persone i cui post rivelano regolarmente i frutti dello Spirito Santo: carità, gioia, pace, pazienza, gentilezza, bontà, generosità, fedeltà, modestia, autocontrollo e castità. Cercate di chiedere sempre l’ispirazione e la guida dello Spirito Santo per la vostra azione online.

3. Scollegatevi quando è necessario.
Quando sentite che la vostra frequenza cardiaca aumenta troppo scollegatevi, e pensate di non seguire più le persone i cui post vi fanno provare desolazione, rabbia, disperazione o ansia superflua.


PHONE TAKING PHOTO

Leggi anche:
6 cose da evitare sui social media se volete un matrimonio più felice

4. Prima di rispondere a qualcuno che vi fa arrabbiare, prendetevi almeno un momento, meglio ancora un’ora o un giorno.
Se sentite di dover rispondere immediamente, alzatevi e fate un giro, respirate lentamente dieci volte e chiedete allo Spirito Santo di ispirare la vostra risposta.

5. Non vi abbattete, tutti sbagliamo.
Quando rispondete a qualcuno con una rabbia superflua, chiedete scusa, andate a confessarvi e fate tutto ciò che serve per rimettere le cose in carreggiata, ma non ripensate continuamente alla situazione e non rivivetela nella vostra mente. Non serve. Prendetevi qualche giorno di stacco dai social media, e quando tornate evitate le persone e i siti che rappresentano una tentazione a peccare.

6. Prendetevi delle pause.
Assicuratevi di programmare delle lunghe pause dai social media. Non solo un weekend o pochi giorni, ma almeno una settimana quantomeno una volta all’anno. Pensate anche di prendervi delle mini-pause durante la giornata. Scegliete ogni giorno dei momenti di “blackout”, che sia la mattina presto o prima di andare a letto. Sforzatevi davvero di attenervi a quei momenti e vedrete che vi darà pace e creatività e aiuterà i vostri rapporti nella vita reale.

7. Non raccontatevi storie, è impossibile indovinare le intenzioni altrui nella vita reale, e ancor più nella vita online.
Non immaginate il contesto in cui qualcuno ha detto qualcosa nel tentativo di discutere con lui o di dare un senso a un comportamento abusivo. La maggior parte delle volte non sappiamo perché qualcuno fa o dice qualcosa di inappropriato online. A volte la cosa migliore è ignorare, bloccare senza cercare di capire cosa stia succedendo.

8. Controllate il tempo trascorso online.
Sempre più studi sottolineano come i social media diano dipendenza. Per questo, non possiamo sempre confidare nella nostra autodisciplina per scollegarci. Applicazioni come Stay Focused, Freedom e altre possono non solo tracciare il tempo trascorso online, ma anche evitare di ricollegarci una volta che il nostro tempo è scaduto. Queste app sono un buon investimento se si nota un comportamento dipendente nell’utilizzo dei social media.




Leggi anche:
Social media cattolici: perché è importante rispettare i vescovi e il papa…

9. Confidate nel vostro istinto.
Se ricevete un messaggio, una richiesta di amicizia o un commento strano, confidate nel vostro istinto. Quando sentite di non dover rispondere non fatelo. Non avete il dovere di interagire con qualsiasi persona voglia farlo con voi. Il silenzio è il vostro miglior amico online. Dite una preghiera per quella persona e andate avanti.

10. Mettete al primo posto la santità.
Chiedete aiuto a Dio per usare i social media in un modo che vi aiuti a diventare più santi. Prima di postare qualcosa chiedetevi: “È questo che Dio vuole che io sia? È così che Dio vuole che aigsca?” Se la risposta è negativa, cancellate e andate avanti con la vostra giornata.

I social media sono un dono di Dio, ma dobbiamo usarli solo in un modo positivo a livello emotivo e spirituale e che ci porti alla santità.

Papa Francesco ha scritto che i social media “possono essere forme di comunicazione pienamente umane. Non è la tecnologia che determina se la comunicazione è autentica o meno, ma il cuore dell’uomo e la sua capacità di usare bene i mezzi a sua disposizione”.

Preghiamo gli uni per gli altri e incoraggiamo un uso saggio e sano dei social media con il nostro buon esempio.

Tags:
social mediasuora
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni