Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Jean Vanier è entrato in cure palliative

JEAN VANIER
Stéphane OUZOUNOFF/CIRIC
Condividi

La notizia è stata diramata ieri, 18 aprile: il novantenne fondatore de L’Arche è entrato in cure palliative.

Fondatore de L’Arche e di Foi et Lumière, Jean Vanier è entrato in cure palliative, abbiamo appreso il 18 aprile. Novantenne, era già stato vittima di una crisi cardiaca nel 2017. Da allora era a riposo, alternando momenti di remissione e cure, viveva fino a poco fa in seno a L’Arche, nella sua piccola casa di Trosly-Breuil (Oise).

Oggi è difficile dire se stia vivendo i suoi ultimi giorni o le ultime settimane, ma nello scorso settembre Jean Vanier confidava ad Aleteia: «Oggi non ho più del futuro, ma sono felice nell’istante presente. In ogni momento».

«Dacci dei cuori attenti»

Da decenni l’opera che ha fondato accompagna migliaia di persone in tutto il mondo. Nel 2018, L’Arche in Francia contava 4.000 membri, tra cui 1.800 persone handicappate, 750 benefattori e 400 volontari. La sua preghiera, “Dacci dei cuori attenti”, è recitata quotidianamente nelle case de L’Arche.

O Maria, dacci dei cuori attenti,
umili e dolci,
per accogliere con tenerezza e compassione
tutti i poveri che tu mandi verso di noi.

Donaci cuori pieni di misericordia
per amarli, servirli,
estinguere ogni discordia
e vedere nei nostri fratelli sofferenti e spezzati
la presenza di Gesù vivente.

Signore, dacci la tua benedizione per mano dei tuoi poveri.
Signore, sorridici nello sguardo dei tuoi poveri.
Signore, ricevici un giorno
nella lieta compagnia dei tuoi poveri.

Amen.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni