Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come parlare d’amore ai figli?

FAMILY
Shutterstock
Condividi

Amare se stessi e amare in modo sano gli altri è una lezione per tutta la vita

Iniziare a parlare con i figli dell’amore è una cosa che si può fare fin dalla tenera età. L’amore si manifesta in famiglia dal momento in cui i figli arrivano a farne parte. Quando sono piccoli si può spiegare loro l’amore come quel sentimento di affetto e allegria che si prova stando insieme tra genitori e figli, o quel rapporto incondizionato e pieno di coccole e risate che hanno con gli altri membri della famiglia.

Un abbraccio, un bacio, dire “Ti voglio bene” o “Ti amo” o piccole cose come un gesto gentile verso i propri cari sono tutti modi in cui i figli possono dimostrare l’amore che provano nei confronti della famiglia.

Insegnare un sano amor proprio

Un aspetto estremamente importante al momento di parlare con i nostri figli di questo sentimento è farlo concentrandosi anche sull’amor proprio, che definisce molte cose della loro personalità e della percezione di se stessi che avranno in futuro.

Il sano amor proprio, che conosciamo anche come autostima, è qualcosa su cui si deve lavorare fin da piccoli. Rafforzando la propria autostima, i nostri figli si sentiranno più sicuri e capaci di fare ciò che si propongono, diventando così adulti ottimisti, socievoli e felici. Per amare gli altri bisogna iniziare amando se stessi.

Come rafforziamo il loro amor proprio o la loro autostima? In primo luogo con attaccamento e affetto nei loro confronti, dimostrando l’amore che proviamo per loro. Possiamo anche riconoscere i loro successi, facendo attenzione a non cadere in lodi esagerate, perché devono diventare adulti pronti anche ad affrontare le avversità che si potranno presentare nella loro vita.

L’amore per gli altri

Oltre a insegnare loro l’amor proprio, che li aiuterà a prendersi cura di se stessi e a vedere le loro qualità positive, dobbiamo anche educare i nostri figli nell’amore per gli altri: fratelli, familiari, amici, compagni di scuola…

Quando parlo di questo, mi riferisco al fatto che attraverso l’amore per gli altri potremo insegnare loro ad essere persone gentili, empatiche e rispettose, mostrando loro che la felicità si ottiene anche attraverso la bontà e il fare del bene alle altre persone.

Ricordiamo che gran parte degli insegnamenti di vita che possiamo dare ai nostri figli derivano dall’esempio. I bambini ci vedono e ci ascoltano sempre, e quindi è importante lavorare costantemente anche sul nostro amor proprio e sull’amore per gli altri.

Quando stabiliamo la felicità e l’amore come base dell’educazione, prepariamo meglio i nostri figli al loro futuro: un bambino amato è un bambino felice, e quel bambino felice crescerà diventando un adulto sicuro e ottimista, capace di avere rapporti positivi di amicizia e di coppia.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni