Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Vuoi essere felice? Segui Gesù!

Condividi

Gesù ci dà questa grande notizia: se vogliamo avere la pienezza di vita che il nostro cuore cerca, se vogliamo sapere qual è la via da percorrere, lui ci risponde: «Io sono la via, la verità e la vita»

di Chiara Amirante

Quante volte ci siamo resi conto che per arrivare alla contemplazione è necessario dedicarci con grande amore, impegno e dedizione alla preghiera. Nel Vangelo di questa domenica, la seconda di Quaresima, vediamo Gesù che si ritira sul Tabor con Pietro, Giacomo e Giovanni e avviene qualcosa di straordinario: si trasfigura davanti a loro.

Credo che in molti siamo in cerca della via per avere la pienezza della vita. Ciascuno di noi ha davanti a sé tante scelte da fare, vive tante insoddisfazioni, porta tanti pesi. Gesù ci dà questa grande notizia: se vogliamo avere la pienezza di vita che il nostro cuore cerca, se vogliamo sapere qual è la via da percorrere, lui ci risponde: «Io sono la via, la verità e la vita» (Giovanni 14,6).

L’evangelista Luca sottolinea un particolare importante nel brano di oggi: «Pietro e i suoi compagni erano oppressi dal sonno; tuttavia restarono svegli e videro la sua gloria» (Luca 9,32). Spesso anche noi, nel nostro piccolo, rischiamo di lasciarci prendere da una certa stanchezza spirituale, ci sentiamo oppressi e finiamo per addormentarci. È dunque importante vigilare da ogni forma di torpore spirituale per arrivare alla preghiera del cuore e poter contemplare la manifestazione della gloria di Dio, così come hanno sperimentato i tre apostoli.

Più diventa profonda la vita di preghiera, più cresce l’attitudine a vivere sempre immersi nella dimensione della contemplazione. Pietro e i discepoli vorrebbero restare lì, piantare tre tende ma… devono presto scendere dal monte. Non c’è allora vera contemplazione che non si traduca in amore sempre più concreto verso i fratelli, e non c’è amore vero al prossimo che non ci porti a crescere nella nostra vita di preghiera: sono due ali dello stesso volo.

Immergiamoci nella più profonda contemplazione perché la gloria di Dio si manifesti nella nostra vita e nella vita dei fratelli a cui il Signore ci manda e sappiamoci inabissare poi con Gesù negli inferi dei cuori di tanti fratelli che vivono nella sofferenza e nella disperazione.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA CREDERE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni