Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Prima rubano al prete il portafogli con 700 euro. Poi lo restituiscono. E lui li perdona

PUSTY PORTFEL
Shutterstock
Condividi

“Per me è chiuso qui”, dice il parroco di un paesino in provincia di Asti che ha subito il furto. Nessuna denuncia ai malfattori

Folgorati non sulla biblica via di Damasco ma più prosaicamente su quella di San Damiano (d’Asti). Una strada vera e propria con tanto di indirizzo come meta, ovvero la casa parrocchiale. È quella che hanno percorso i ladri per restituire a don Antonio Cherio 700 euro, pochi giorni dopo averglieli sottratti con un furto.

Il parroco ringrazia e chiude nel silenzio l’episodio di cronaca che lo aveva visto vittima, con il portafogli che gli era stato indebitamente sottratto e nel quale custodiva parecchio denaro in contanti (La Stampa, 9 marzo).

Leggi anche: I ladri avevano rubato 351 ostie, ma Dio ha voluto mostrare il suo potere

Il “Nastro d’Argento”

700 euro che don Antonio custodiva per la gestione del concorso  canoro “Nastro d’Argento” in programma al Cinema Teatro “Cristallo” del paese . Il concorso di voci nuove, con la regia del parroco, è arrivato alla trentunesima edizione nella cittadina del Monferrato.

Era stato lo stesso parroco a raccontare del furto domenica 3 marzo, a messa. «Speravo che i ladri potessero ravvedersi e magari tornare sui propri passi», aveva spiegato don Antonio durante l’omelia.

Un fatto che aveva fin da subito indignato non solo i parrocchiani ma l’intera collettività: oltre all’aspetto legato alla sicurezza vi era il bersaglio scelto dai malviventi.

Leggi anche: Don Mandrelli, prete armato: ma la Chiesa che dice?

La riconsegna

Don Antonio, però, non si aspettava di cogliere nel segno e invece qualche giorno fa qualcuno ha bussato in canonica e consegnato il portafoglio e i contanti rubati.

«Non so chi siano i ladri e perché abbiano deciso di restituire tutto. Non ho parlato con nessuno di loro. Ho semplicemente ritrovato il portafogli in canonica e per me la questione è chiusa qui», afferma il sacerdote (La Repubblica, 9 marzo).

Leggi anche: “Cari maledetti…”. La lettera ai ladri di un prete derubato

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni