Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Abusi sessuali, l’ex cardinale McCarrick dimesso dallo stato clericale

ASSOCIATED PRESS/East News
Condividi

Ratificato da Papa Francesco il durissimo provvedimento. L’arcivescovo emerito di Washington per anni era stato tra le personalità più influenti della Chiesa degli Stati Uniti d’America

Bufera su Theodore McCarrick, l’89enne arcivescovo emerito di Washington, per anni tra i più influenti prelati della Chiesa degli Stati Uniti d’America.

Dal 28 luglio 2018 già non era più cardinale, dopo la decisione di Papa Francesco di togliergli la porpora in seguito alle accuse di abusi su un minore e di una condotta sessualmente inappropriata con giovani seminaristi e sacerdoti maggiorenni.

Da oggi, neppure sette mesi dopo, McCarrick a sessant’anni della sua ordinazione sacerdotale viene privato anche dello status di sacerdote: a conclusione di un processo penale Francesco lo ha dimesso infatti dallo stato clericale con una sentenza inappellabile (La Stampa, 16 febbraio).

Wikipedia CC

La procedura

Il 13 febbraio 2019 la Sessione Ordinaria (Feria IV) della Congregazione per la Dottrina della Fede ha emesso la pena, notificata a McCarrick il giorno 15 dello stesso mese. Il Papa ha riconosciuto la natura definitiva, a norma di legge, di questa decisione, la quale rende il caso res iudicata, cioè non soggetta ad ulteriore ricorso.

McCarrick perde automaticamente i diritti propri dello stato clericale e non è più tenuto ai relativi obblighi. Perde, inoltre, la dignità e i compiti ecclesiastici e rimane escluso dall’esercizio del sacro ministero, né può avere un compito direttivo in ambito pastorale. Non può insegnare nei seminari, e negli altri istituti dove sono presenti insegnamenti di discipline teologiche.

La carriera a New York

L’ormai ex alto prelato americano, nato nella Grande Mela nel 1930, ordinato sacerdote dal cardinale Francis Spellman nel 1958, divenne vescovo ausiliare della diocesi di New York nel 1977. Nel 1981 fu trasferito a Metuchen, nel 1986 divenne arcivescovo di Newark e il 21 novembre 2000 fu scelto da Giovanni Paolo II alla guida della diocesi della capitale federale americana.

È diventato cardinale nel 2001 e ha lasciato la diocesi nel 2006, un anno dopo il conclave per l’elezione del successore di Papa Wojtyla, al quale ha partecipato come porporato elettore (La Stampa, 20 giugno 2018).

Le accuse

McCarrick era stato al centro del “dossier Viganò”, il report dell’ex nunzio a Washington che chiese le dimissioni del Papa per non essere intervenuto sulla doppia vita del porporato. Omissioni sulla sua condotta, tuttavia, sono state commesse soprattutto nei pontificati precedenti (La Repubblica, 17 febbraio).

In particolare contro McCarrick pendono due tipologie di accuse: abusi sessuali su un minore, avvenute circa 45 anni fa quando era prete a New York (emerse nel 2018 e per le quali si è sempre dichiarato innocente); abusi sessuali su almeno tre seminaristi (due dei quali risarciti dalla Chiesa), sia quando svolgeva l’incarico di sacerdote che quando era stato elevato a vescovo.

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni