Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come trovare un equilibrio tra famiglia e lavoro?

Condividi

Trovare un equilibrio tra gli impegni lavorativi e la vita privata è impresa tutt’altro che semplice. Con il tempo ho capito che non è tanto questione del lavoro che fai, ma di come il lavoro prende un posto all’interno della vita, in termini di priorità, soddisfazione e ambizioni personali.

Trovare un equilibrio tra gli impegni lavorativi e la vita privata (casa/affetti) è impresa tutt’altro che semplice (amici freelance vi torna!? 🦊). E se da una parte credo profondamente che al centro della vita ci sia la necessità di vivere una vita affettiva piena e matura, allo stesso tempo la velocità del mondo del lavoro è cambiata a tal punto che spesso gli equilibri vengono messi in ginocchio… e per me, è stato spesso così.

Lo dico (e mia moglie mi è testimone 🙈): per anni e anni ho lottato per raggiungere questo equilibrio. Mi sono dato regole, tempi, scadenze, sveglie e quant’altro… ma niente! Il meglio che sono riuscito a fare è stato rompermi una gamba, ma questa è un’altra storia. Il fatto evidente è che trovare un giusto equilibrio tra famiglia e lavoro, vita privata ed impegni, amore e ambizioni è tutt’altro che scontato.

Leggi anche: Quella volta in cui Dio “mi ruppe” una gamba. E fu una vera grazia!

Bisogna sempre stare all’erta, orecchie tese, per riadattare il proprio comportamento alle situazioni esterne. Infatti, basta una scadenza o un imprevisto a casa (tipo bebè urlanti…), per mettere tutto il precario sistema di equilibri in pesante difficoltà.

Nella mia personale esperienza quello che ho imparato è che è inutile stabilire regole rigide (specialmente per chi ha responsabilità o vive nel mondo freelance). Infatti una regola rigida difficilmente è in grado di gestire l’imprevisto. Ciò che riesce a far fronte a situazioni non preventivate è avere un chiaro ordine di priorità: una sorta di regola di vita.

La vita ordinata

Cioè: dipende da cosa metti al primo posto.

La chiave qui è che l’ordine è ciò che definisce le priorità, e che permette di trovare -appunto- un equilibrio. L’ordine gestisce bene l’imprevisto perché di fronte a qualcosa di non preventivato, avrai sempre una bussola chiara che ti dice cosa ha assolutamente bisogno della tua attenzione in quel momento. E qui si trova anche tutta la chiave della questione: quale è l’ordine delle tua vita? Cosa ha maggiore importanza in scala assoluta?

Mai viste quelle situazioni in cui il papà è sempre fuori, assorbito da mille impegni, con il ritornello di fondo che… sì, è vero che non c’è mai, ma lui lo fa per la famiglia (!).

Scherziamo?

Leggi anche: Ironia e autoironia, salvavita per le donne divise tra famiglia e lavoro

Ve lo può dire mia moglie, ed insieme con lei un esercito di mogli di tutto il mondo e in tutte le lingue, che nulla è più importante di un marito presente e di un padre presente. (Stessa cosa vale per le mamme!)

Capisci bene allora che qui non è questione di trovare una qualche tecnica per migliorare l’equilibrio tra vita privata e lavoro, ma andare a fondo nella vita per capire cosa conta veramente per te: cosa è veramente importante.

Se il lavoro è al primo posto, allora è coerente sottomettere tutto alle necessità del lavoro. Quindi passa in secondo piano una relazione, i tuoi interessi, magari anche la famiglia.

Ma quando decidi che la relazione con la tua donna e con la tua famiglia sono al primo posto, allora anche il lavoro viene sottomesso a questo ordine. Di conseguenza, la tua felicità dipenderà maggiormente dalla qualità della relazione con la persona che hai accanto, piuttosto che i traguardi lavorativi (che sicuro sono sempre bene accetti!). In un sistema ordinato esistono confini variabili ed in un momento di forte tensione, il lavoro potrebbe prendere degli spazi e tempi che sono normalmente dedicati alla famiglia, e il viceversa.

La cosa straordinaria, ma che avevo sempre sottovalutato, è che la nostra propensionsione al lavoro o alle relazioni non è affatto innata, ma bensì dipende moltissimo dalla nostra storia. E cioè: non siamo noi che troviamo maggiore soddisfazione nel lavoro perché… sono fatto così. Ma piuttosto perché siamo cresciuti così. Aprire gli occhi su questa realtà ci permette di fare una scelta libera e indipendente dalle nostre inclinazioni naturali (inteso come propensioni spontanee).

Leggi anche: “Ogni sera guardo mio figlio che dorme e gli chiedo scusa per non esserci come vorrei”

Questa consapevolezza ci permette di fare una scelta in base a ciò che riteniamo realmente importante nella nostra vita. Fatta la scelta, sarà il momento poi di mettersi in cammino per costruire quella scala ordinata che in cambio ci permette di trovare l’equilibrio tra casa e lavoro.

Il punto quindi è fare una scelta.

Da lì, tutto viene di conseguenza.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni