Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Vuoi davvero fare un “buon lavoro” con i tuoi figli? Devi saperti spezzare…

DAD AND SON
Condividi

Nell'amore e nell'educazione dei nostri figli sperimentiamo una vera lotta contro la tentazione del controllo, del possesso, della costruzione dell'altro. No, i figli sono doni, come noi stessi lo siamo. Rivolgiamoci al Maestro, come il capo della sinagoga, e anche ai nostri figli Egli dirà Talithà kum!

di Federica Lampugnani

In un luogo dove le abitudini, la routine e la costanza del quotidiano sono fondamenti, l’essere straniero è un elemento da salvaguardare nel tessuto familiare. Non voglio concentrarmi sull’inconoscibilità del mistero dell’altro nella coppia. Tra sposi e coniugi, tra marito e moglie stranieri a se stessi e sconosciuti per il proprio compagno e compagna di vita. Vorrei approfondire l’estraneità dei propri figli e delle proprie figlie.

La terminologia che connota questo stato che ci riguarda tutti è varia. I figli sono doni, frecce da scagliare, rami da far crescere con radici salde, luci da mantenere accese e molto altro. Come figli e figlie, credo che l’essere germogli nel cammino della crescita sia una metafora corretta. Nasciamo, prima ancora siamo desiderati, poi ci contraddistingue un infinito bisogno di cure, attenzioni ma soprattutto di una imprescindibile speranza e benedizione. Dire bene dei propri figli è assicurare loro una protezione, quasi un’assicurazione all’esistenza. Questo in nome di genitori, padri e madri anche loro figli cioè nominati (chiamati) da altri prima di loro.

In questi legami generazionali il possesso, il controllo, il delirio di costruire (non di educare) ad immagine di sé è altissimo. Le somiglianze caratteriali e fisiche intralciano il distacco emotivo e di carne tra padri e figli e tra madri e figlie. Seppur simili sono altro, queste creature concepite, portate in grembo, donate tra le braccia, tenute per mano e poi sostenute con lo sguardo. Il cammino è incidentato, sempre e per tutti. Mi confronto nel mio lavoro con le fatiche della disabilità nelle famiglie, con la piaga della depressione e le incomprensioni costanti e logoranti tra familiari. E nella fatica del lavoro educativo, la luce e la speranza filtrano, misteriosamente, bucando qua e là il buio dell’arrendevolezza, del dolore e dell’abbandono.

Il figlio straniero è, con questa sua natura saggia e voluta, l’incontro che trasforma persone e situazioni. Il padre è fatto dal figlio e il figlio è libero solo dinnanzi (e non accorpato) alla figura paterna. Con la quale deve sanamente lottare e costituirsi differente. Penso a quel capo della sinagoga che chiese aiuto al Maestro per sua figlia di dodici anni. “Talithà kum. Fanciulla, io ti dico, alzati” fu la risposta.

Umilmente, i figli si donano alla vita per mano di un Figlio (libero nel seno del Padre) che accende i loro cuori e i loro desideri. Solo così ritorna la fame, materiale e dello spirito“e disse loro di darle da mangiare”. Generare allora diventa sapersi spezzare con amore e servizio nella bellezza e nell’imperfezione della propria storia. Come figli in cui è buono e giusto porre un sano compiacimento.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.