Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 07 Maggio |
San Domenico Savio
home iconStorie
line break icon

Il vescovo di Trento: la storia di Antonio Megalizzi ci ricorda Gesù

ANTONIO MEGALIZZI

Antonio Megalizzi | Instagram

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 20/12/18

Alle porte del Natale, la vita del giovane, morto nell'attentato di Strasburgo, ci trasmette un esempio di grande umanità e fratellanza

È proseguito per tutta la giornata di ieri e anche nella notte l’omaggio silenzioso alla salma di Antonio Megalizzi, vittima dell’attentato dell’11 dicembre a Strasburgo, nella camera ardente allestita nella chiesa della sua parrocchia nel rione “Cristo Re” a Trento. Sulla bara, già avvolta dal tricolore, qualcuno ha voluto deporre anche la bandiera europea.

Ii funerali solenni del giovane giornalista italiano, presieduti dall’arcivescovo di Trento, Lauro Tisi, sono in programma il 20 dicembre.

I sogni di Antonio

«Credeva nell’Europa dei popoli, dei giovani, non delle organizzazioni o della burocrazia – afferma monsignor Tisi ad Avvenire (20 dicembre) – Mi ha il colpito il video in cui diceva che l’Europa è tutt’altro che la misura o il prezzo della frutta, dei prodotti agricoli. Per noi trentini che abbiamo avuto un fondatore dell’Europa come Alcide De Gasperi, la scelta di vita di Antonio è un invito a riprendere in mano il sogno dei promotori dell’Europa, che erano anche i suoi sogni».




Leggi anche:
Il biografo Bernard Lecomte: «Per Giovanni Paolo II, l’Europa era profondamente cristiana»

Un brillante europeista

Antonio è stato descritto dagli amici come un europeista convinto, una persona brillante, determinata, ma anche rispettosa delle differenze. Che fosse un ragazzo apprezzato lo si capisce da tante piccole cose accadute in questi giorni drammatici: dai tanti messaggi sul suo profilo Facebook alla lettera che gli amici hanno attaccato al muro sotto la sua casa a Trento, dove il giovane viveva assieme al papà Domenico, alla mamma Annamaria e alla sorella più piccola, Federica (Ansa, 18 dicembre).

“Il bene è stato comunicato con forza”

«È venuta in primo piano, di giorno in giorno – evidenzia ancora monsignor Tisi – una vita che si è spesa per la fraternità, l’inclusione e la convivenza che si costruisce valorizzando le differenze. La vita solare di un giovane ricco di idealità, capace di far sentire le radici profonde del progetto europeo».

«Attraverso Antonio – prosegue il vescovo – il bene è stato comunicato con forza, è diventato quasi una memoria comune. Come un segnale dell’Eterno in mezzo a noi, questo bene direi che si è già fatto storia, mentre quel gesto di violenza rimarrà soltanto lì, insensato, nella cronaca».




Leggi anche:
Cosa significa “vivere da risorti”? Diffondere il bene

Come Gesù

La storia di Antonio, secondo Tisi, ha delle somiglianze con quella di Gesù. «Quando ti si para davanti e si esprime nella concretezza di una persona come questa – non nella teoria – allora l’umano ci si presenta proprio come un patrimonio comune, che unisce e affratella. Alle porte del Natale mi piace pensare a Gesù di Nazareth, che viene a salvare l’umanità, a farsi generatore di questo nuovo modo di guardare all’esistenza dell’altro. Non più come un muro o un confine, ma come il punto di partenza per fare spazio all’altro, spalancando alla libertà».

“Una provocazione”

«Questa – conclude il vescovo – diventa una provocazione anche per noi cristiani, per le nostre comunità, a saper custodire e propagare anche l’umano, a saper diffondere storie di fraternità. Allora possiamo diventare incisivi anche nella realtà, soprattutto in questi tempi in cui sembra venir meno la fiducia reciproca».


GREEN, MAN, CROWD

Leggi anche:
Porgi l’altra guancia, rendi stupefacente il bene

Tags:
antonio megalizzivescovo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
2
Gaudium Press
Sapevi che la fede nuziale può avere la forza di un esorcismo?
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Best of Web
Muore per 20 minuti, si sveglia all’improvviso e racconta d...
5
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
6
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
7
VANESSA INCONTRADA
Gelsomino Del Guercio
Vanessa Incontrada: ho scelto di battezzarmi a 30 anni per ritrov...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni