Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il potere nella coppia: vediamo chi è davvero il più forte e il più libero tra noi!

DONNA E UOMO BRACCIO DI FERRO
Condividi

Il Vangelo di domenica 25 novembre dedicato a Cristo Re dell’Universo ci invita a chiederci: cosa significa per noi essere sovrani delle nostre vite ad immagine e somiglianza di Cristo? E perché per l’uomo è vitale ispirarsi a questo tipo di regalità?

di Roberto e Claudia

Il re è colui che esercita un potere. Ma ci sono modalità buone e nefaste di usare il proprio potere.

Fin dalla storia della creazione della Genesi, viene mostrato nella Bibbia come l’umano usa il potere per rispondere al suo problema di solitudine, e pensa di risolvere quel senso di abbandono sottomettendo il creato, esercitando il dominio su di esso. Ma questo non soddisfa l’umano e non c’è nulla che gli stia di fronte, per questo Dio divide l’umano in uomo e donna, perché è la relazione che risponde al problema della solitudine.

Ma nella relazione ogni ferita di non amore porta ad un abuso di potere sull’altro. Nel matrimonio il potere usato male ha spesso a che fare con la lotta per la supremazia sull’altro, sottomissione dell’altro, egocentrismo e focalizzazione solo sui propri bisogni. E non fate che mentre leggete queste parole pensate subito al vostro partner, a quanto sia egoista e prepotente, cercate di riflettere su di voi e su quanto e in che modo voi siete egoisti e prepotenti nella relazione, e in che modo usate male il vostro potere nella relazione di coppia e durante i conflitti.

Durante gli anni di crisi peggiori era chiaro per noi come usavamo male il nostro potere nella relazione di coppia: Roberto lo usava per concentrarsi su di sé, impormi i sui bisogni ed esigenze, non gli importava delle mie esigenze e dei miei sentimenti. Questa modalità di uso negativo è abbastanza chiara e lampante e si riconosce subito.

Ma c’è un uso del potere nefasto più subdolo, che non si riconosce subito ed è quello che facevo io nel mio matrimonio, benché avessi tutte le ragioni per sentirmi maltrattata e messa da parte. Esercitavo un potere negativo su di lui quando lo accusavo, gli davo addosso, lo straziavo con monologhi interminabili, rinfacciavo e pretendevo, lo umiliavo con frecciatine anche davanti agli amici.

Leggi anche:
La sottomissione

Entrambi esercitavamo il nostro potere nella relazione di coppia per sottomettere l’altro al nostro mondo emotivo ferito, non sanato, che urlava vendetta e non accettava nessuna forma di accoglienza e pace. La lotta di potere nella vita di coppia è dettata sempre da sentimenti d’insicurezza e inferiorità, per cui siamo dipendenti e influenzati da ciò che l’altro dice o non dice, fa o non fa. Non siamo LIBERI.

Ma c’è una forma di potere propizio, vantaggioso che porta come frutto la vera libertà umana e la gioia di sentirsi non più schiavi e sottomessi. Ed è il potere che rivela Gesù di Nazaret, il più grande perdente mai esistito agli occhi del mondo pagano, il Re più potente e forte mai incontrato per noi Cristiani. Il potere umano è un apparato di rapporti di forze che schiavizza sé e l’altro. Il potere possiede e la forza domina chi la esercita. Se eserciti il tuo potere portando odio, rabbia, vendetta sottomissione, indifferenza, freddezza, è questo che ti tornerà indietro e possiederà il tuo animo. C’è una libertà inaudita che Cristo manifesta nel modo di esercitare il suo potere di Re. La libertà di questo Cristo di manifestarsi libero da tutte le cose che fanno più paura agli uomini: libero di essere picchiato, umiliato, deriso, imprigionato, straziato. Per Amore. Libero di morire, nella fede e nell’annuncio che non esiste morte, dolore o ferita che Dio non trasformi in vita piena. Qui sulla terra o nel Paradiso.

A volte noi Cristiani ci dimentichiamo del Paradiso, e che siamo in questo mondo, ma non siamo di questo mondo. Ad un certo punto del mio matrimonio ho capito che non ero libera e questa cosa mi faceva molto arrabbiare. Non ero libera di amare mio marito così come era in quel momento, non ero libera di sostenerlo coi suoi difetti, non ero libera di attraversare le sue crisi personali. Io non ero libera. Ero schiava del suo umore, delle sue mancanze, delle sue assenze. Chi è più libero, chi gestisce, controlla e manipola o chi non viene colpito e atterrato da nulla? Chi è veramente sovrano chi fa dipendere la propria vita da carriera, soldi, forza, bellezza o chi mantiene la pace anche negli attacchi e nelle prove peggiori? Io volevo per me questa libertà, di non essere più Abbandonata e non Amata ma di vivere come il Compiacimento del Signore e sua sposa, e Dio mi ha fatto giustizia nel mio matrimonio in modo concreto, facendomi comprendere la vera forza e il vero potere che potevo esercitare per far bene a me stessa e al mio matrimonio.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni