Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Decreto Sicurezza, la Chiesa contro il Governo: ecco perché farà aumentare i migranti irregolari

POPE FRANCIS,MIGRANTS
Antoine Mekary | Aleteia
Condividi

Vescovi, gesuiti, Caritas, stampa tutti uniti contestano il provvedimento. E un prete diventa virale su facebook: non faccio il presepe per protesta contro Salvini

Il presidente Sergio Mattarella ha dato il via libera alla conversione in legge del “decreto sicurezza”.

La novità più dirompente del decreto sicurezza, è indicata nell’articolo numero 1 del testo: l’abolizione dei «permessi di soggiorno temporanei per esigenze di carattere umanitario», una delle tre tipologie di assistenza che potevano essere riconosciute ai richiedenti asilo (le altre due sono lo status di rifugiato e la protezione sussidiaria).

Soggiorno di 2 anni

La cosiddetta protezione umanitaria, istituita dal decreto legislativo 25 del 2008, consisteva in un titolo di soggiorno della durata massima di due anni, durante i quali i beneficiari potevano accedere ad attività di lavoro, corsi di formazione e l’alloggio in strutture statali dedicate alle prima accoglienza (Il Sole 24 ore, 2 dicembre).

I decreti di espulsione

Da qualche settimana, le commissioni territoriali – cioè gli organi che decidono sulle richieste di protezione – non possono più emettere permessi di soggiorno umanitari. Alle circa 39mila persone a cui è stato garantito fra 2017 e 2018 verrà quasi certamente consegnato un decreto di espulsione, a meno che nel frattempo siano riusciti a ottenere un lavoro regolare e quindi a ottenere un permesso di soggiorno “vero” (eventualità assai remota).

Stop ai percorsi di accoglienza

Di conseguenza, nei giorni scorsi il Ministero dell’Interno ha dato mandato di cessare i percorsi di accoglienza che riguardano le persone che possiedono il permesso di soggiorno umanitario e sono ospiti delle strutture statali, cioè i CARA (Centro di accoglienza per richiedenti asilo) e i CAS (Centro di accoglienza straordinario). L’idea è che non ha senso continuare a spendere dei soldi per persone che a breve dovrebbero essere espulse dal territorio italiano.

Ma la realtà è ben diversa

Il problema è che queste persone non verranno espulse – quasi nessuno viene espulso, in Italia: da anni mancano le risorse e gli accordi internazionali per farlo – ma diventeranno semplicemente irregolari, cosa che comporterà due problemi. Da un lato il percorso di integrazione compiuto finora verrà vanificato, visto che nessuno di loro sarà più in grado di trovare un lavoro; dall’altro diventeranno un problema di ordine pubblico per le amministrazioni locali, visto che quasi sicuramente finiranno per strada (rischiando di alimentare timori e tensioni da parte della popolazione locale) (Il Post, 3 dicembre).

Il parroco: quest’anno niente presepe

«Oggi fare il presepio è ipocrita. Il presepe è l’immagine di un profugo che cerca riparo e lo trova in una stalla. Esibire le statuette, facendosi magari il segno della croce davanti a Gesù bambino, quando poi nella vita di tutti i giorni si fa esattamente il contrario, ecco tutto questo lo trovo riprovevole». commenta Don Luca Favarin, il prete che a Padova gestisce nove comunità e aiuta 140 ragazzi africani, sferza i predicatori di presepi e crocifissi. Lo fa toccando uno dei simboli del Natale, il presepe appunto, icona della Natività, con il cammino di Giuseppe e Maria.

Ecco, quel cammino a don Luca evoca la traversata di migliaia di migranti alla ricerca di un orizzonte nuovo. «Il nuovo decreto sicurezza costringe le persone a dormire per strada, quindi l’Italia si è schierata per la non-accoglienza», ragiona il prete. «Poi però, a casa, tutti bravi a esibire le statuette accanto alla tavola imbandita, al caldo del termosifone acceso» (La Repubblica, 3 dicembre).

Bassetti: è molto restrittivo

La Cei, già nel corso dell’assemblea permanente, attraverso il presidente cardinale Gualtiero Bassetti, aveva espresso la sua contrarietà:

«Si toglierebbe ai prefetti e ai giudici la discrezionalità nel riconoscere la protezione umanitaria» e viene ampliato il numero di reati per il diniego della protezione. Il decreto, ha sottolineato Bassetti, «dovrebbe fronteggiare una situazione di emergenza». In generale, «mi sembra che sia molto restrittivo» (La Stampa, 27 novembre).

Pagine: 1 2

Tags:
migranti
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni