Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 01 Marzo |
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

100 migranti della nave Diciotti accolti dalla Chiesa italiana

profughi siriani siracusa

© DR

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 26/08/18

La Cei pone fine alla "sofferenza di queste persone". In aiuto per l'accoglienza anche Albania e Irlanda

Alla fine sono scesi tutti. Nella notte tra il 25 e il 26 agosto si è concluso lo sbarco dei 137 migranti che erano rimasti a bordo della nave Diciotti.

Al molo di Levante di Catania i richiedenti asilo sono stati fatti scendere a partire da mezzanotte. «Croce Rossa ha garantito prima assistenza e distribuzione di kit igienici», si legge in un tweet dell’organizzazione.

Al Molo di Levante di Catania, si è concluso lo sbarco delle persone migranti a bordo della nave #Diciotti. #CroceRossa ha garantito prima assistenza e distribuzione di kit igienici.#UnItaliaCheAiutapic.twitter.com/SF24qyJC6b

— Croce Rossa Italiana (@crocerossa) August 25, 2018

L’impegno della Cei

Ora i migranti verranno accolti dall’Albania, dall’Irlanda e dalla Chiesa cattolica. Che si è impegnata a pagare di tasca propria la permanenza nel Belpaese degli immigrati (Il Giornale, 26 agosto).

Nella serata del 25 agosto è stata proprio la Cei a confermare che garantirà l’accoglienza ad un centinaio di migranti «per porre fine alle sofferenze di queste persone in mare da giorni» (Ansa, 26 agosto).




Leggi anche:
Papa Francesco chiama, la Chiesa risponde: accolti 27mila migranti

Il “grazie” di Conte

Il premier Giuseppe Conte su Facebook ha ringraziato e svelato i numeri: «I migranti ancora a bordo della nave Diciotti sbarcheranno nelle prossime ore. Ringraziamo l’Albania, l’Irlanda e la Cei per avere aderito all’invito a partecipare alla redistribuzione. Ne accoglieranno rispettivamente 20, 20 e 100».

[protected-iframe id=”4bc959c1e776f695d5cef9ffda8322c8-95521288-56301267″ info=”https://www.facebook.com/plugins/post.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2FGiuseppeConte64%2Fposts%2F469625373519433&width=500″ width=”500″ height=”274″ frameborder=”0″ style=”border:none;overflow:hidden” scrolling=”no”]

Tra Malta e Lampedusa

La vicenda della nave, come noto, inizia circa dieci giorni fa quando le motovedette della Guardia costiera intercettano un barcone con 190 migranti. Dopo le polemiche con Malta, i profughi vengono traghettati sulla nave “Diciotti” (sempre di proprietà della Guardia Costiera), che rimane per ore ormeggiata al largo di Lampedusa. Il governo autorizza lo sbarco di bambini e persone in difficoltà. Così restano in 137 sulla nave.




Leggi anche:
Minacce, fango, ricatti. Questa è la sorte che tocca ad un parroco che aiuta i migranti

Braccio di ferro con l’Europa

Poi, sempre il governo, autorizza la rotta verso Catania, dove il pattugliatore della Guardia costiera resta ormeggiato con i migranti a bordo per ben 5 giorni. Intanto Salvini cerca l’appoggio dell’Europa, cui vorrebbe appaltare l’accoglienza di una parte degli “ospiti” della Diciotti. Ma l’Ue risponde picche.

La riunione dei capi di governo a Bruxelles si traduce in un nulla di fatto che fa infuriare Lega e M5S. Un giorno dopo la soluzione: ad accogliere i migranti Albania, Irlanda e la Chiesa Cattolica.

Tags:
chiesaconferenza episcopale italianamigranti
Top 10
See More