Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il Natale NON è la festa di compleanno di Gesù

BABY JESUS
Shutterstock
Condividi

Alcuni pensano che celebrare il Natale sia commemorare il giorno della nascita di Gesù, ma non è mai stato ciò che intende la Chiesa riguardo a questo tempo liturgico

Alcuni pensano che celebrare il Natale sia commemorare il giorno della nascita di Gesù, e c’è chi arriva addirittura a cantare “Tanti auguri a te”, cosa del tutto fuori luogo, contraria al sentimento della Chiesa ed estranea al senso della celebrazione dei cristiani. Ma se non celebriamo la data di nascita di Gesù, cosa facciamo a Natale?

Innanzitutto bisogna capire cosa sia la liturgia, la celebrazione della Chiesa.

Il nostro Dio, quando ha voluto salvarci, ha agito nella nostra storia. In primo luogo ha agito nella storia di tutta l’umanità, guidando in modo segreto e saggio tutti gli esseri umani e la loro storia. Basta pensare ai santi pagani dell’Antico Testamento – santi che non appartenevano al popolo di Israele: Sant’Abele, Sant’Enoc, San Matusalemme, San Noè, San Melchisedek, San Giobbe… Nessuno di loro apparteneva al popolo di Dio, e tuttavia Dio agiva attraverso di loro… In seguito Dio ha agito in modo forte, aperto e intenso nella storia del popolo di Israele, con le parole infuocate dei profeti, con la mano tesa e il braccio potente nelle opere meravigliose a beneficio del suo popolo eletto.

Dio ha infine agito in modo pieno e totale, facendosi personalmente presente, in Gesù Cristo, che è il culmine, il centro e la finalità della rivelazione e dell’azione di Dio: in Gesù, tutto ciò che Dio ha sognato per noi si è realizzato in modo pieno, unico, assoluto, completo e definitivo! E allora il nostro Dio non si rivela principalmente con insegnamenti, dottrine e consigli, ma con azioni concrete e parole concrete d’amore! E tutto questo è giunto a pienezza nella vita, nei gesti, nelle parole e nelle azioni di Gesù Cristo!

Sono queste opere salvifiche di Dio, realizzate in modo pieno in Gesù, che rendiamo presenti nella nostra vita quando celebriamo la Santa Liturgia, soprattutto l’Eucaristia! Nella forza dello Spirito Santo di Gesù, attraverso le parole, i gesti e i simboli liturgici, gli eventi del passato – tutti riassunti in Cristo: nella sua Incarnazione, nella sua Nascita, nel suo ministero, nella Morte e Resurrezione e nel dono del suo Spirito – diventano presenti nella nostra vita.

Vediamo ora il caso del Natale. Quando la Chiesa celebra le cinque feste del Natale non vuole celebrare il compleanno del Bambino Gesù. Ciò che vuole fare è rendere presente per noi, nella forza dello Spirito Santo, la grazia della venuta di Cristo. Celebrando la liturgia del Natale, l’evento del passato (la Manifestazione del Figlio di Dio) diventa presente nell’oggi della nostra vita! Nella liturgia del Natale la Chiesa non dice “Duemila anni fa è nato Gesù!” Niente di tutto questo! Ciò che dice è “Rallegriamoci tutti nel Signore perché è nato nel mondo il Salvatore. Oggi la vera pace è scesa a noi dal cielo!” (Antifona d’ingresso della Messa della notte di Natale).

In Gesù, tutto ciò che Dio ha sognato per noi si è realizzato in modo pieno, unico, assoluto, completo e definitivo!

Celebrando allora le sante feste del Natale, celebriamo la manifestazione del Salvatore nel nostro oggi, nella nostra vita, nel nostro mondo! La liturgia ha questa caratteristica: nella forza dello Spirito Santo rende presente realmente, davvero, quell’evento avvenuto nel passato. Non è una ripetizione dell’evento, né un ricordo! È invece quello che la Bibbia definisce memoriale, ovvero rendere presenti gli atti di salvezza di Dio!

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni