Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

Quando la malattia di una bambina è fonte di numerose grazie

MARYSIA
Condividi

Maria (o “Marysia”, per i suoi cari) sta morendo. La diagnosi è crudele: soffre di un medulloblastoma, un tumore maligno del cervello. La bambina si trova ora al Bambino Gesù in Roma.

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

Dalla primavera Marysia, 3 anni, si batte contro un cancro che distrugge ogni giorno un pezzetto del suo corpo. Eppure la sua malattia e la battaglia dei suoi genitori apportano loro (e attorno a loro) immense grazie. Via social network si alza un’onda di sostegno spirituale che rapidamente raggiunge scala nazionale. Tutta la Polonia prega per Maria. Informato dell’evoluzione della sua battaglia dalla first lady del Paese, anche lo stesso Papa Francesco prega per lei.

Eppure la storia della bimba comincia in modo quasi banale: dal suo compleanno soffre di nausee, reflussi di stomaco. I suoi attacchi di vomito sono sempre più frequenti. Inquieti, i genitori decidono di consultare uno specialista. A partire da questo momento, tutto precipita a un ritmo vertiginoso. Il gastroenterologo consultato la fa trasportare d’urgenza in ospedale per una serie di esami. Il primo controllo è seguito da una diagnosi terribile… Maria sta morendo.

Al cuore della battaglia

È venuto a dircelo un neurochirurgo – ricorda Agata, la madre di Maria –. Ci ha detto che l’esame aveva rilevato un grosso tumore al cervello. Che bisognava fare immediatamente un MRI del cervello di nostra figlia e poi operarla… per asportare il tumore. Non dimenticherò mai quel momento: altri medici mi tenevano per le braccia, temevano che svenissi.

L’MRI rivela che il tumore è più grande di quanto si immaginasse dal primo esame. È vascolare, e questo necessiterà un’operazione molto rischiosa, probabilmente seguita da gravi complicazioni. «Non avevamo scelta: senza operazione Maria sarebbe morta». Fortunatamente l’intervento chirurgico andò bene. Ma due settimane dopo una nuova prova avrebbe colpito la bambina: il monitoraggio medico rivela un medulloblastoma al quarto stadio: un tumore maligno molto aggressivo.

Una volta passato lo choc, i genitori entrano nel cuore della battaglia. Pubblicano informazioni sulla situazione della loro bambina sui social network. E… sorpresa: un’immensa onda di solidarietà si alza, al punto che su Facebook bisogna creare un gruppo chiuso per raccogliere tutti quelli che vogliono aiutare la bimba. All’inizio non era che una piccola comunità di aiuto locale, ma presto assurge a dimensione nazionale. Tutta la Polonia vuole aiutare Maria.

Niedziela, 27.01.2019 #kotekMarysiHej hej! W ostatnich dniach miałyśmy kontrolną tomografię komputerową głowy po zabiegu i prześwietlenie bioder. Dzień czy dwa po operacji wzrosła temperatura i jeden ze wskaźników zapalnych, ale już spada – według lekarzy mogła to być reakcja na zabieg, a nie nowa infekcja, bo drugi ze wskaźników jest cały czas negatywny. Z tomografii i z obserwacji Marysi wynika, że operacja się udała, przepływ między komorami a rdzeniem kręgowym został udrożniony, komory się zwężają, czyli wracają do normalnej wielkości. Z Marysią jest lepszy kontakt, odpowiada na pytania (na razie ograniczonym słownictwem), ruchowo też się powoli odblokowuje, odwraca głowę w stronę mówiącej osoby, uruchamia stopniowo lewą stronę. Jeszcze nie wróciło widzenie, ale neurochirurg powiedziała, że zmiany w tym zakresie przychodzą powoli. Przełykanie idzie dobrze (ma też dużą potrzebę gryzienia), więc po jednodniowym podawaniu leków doustnie i obserwacji lekarze zgodzili się na wyjęcie sondy – Marysia wyciągnęła ją dziś w południe sama, nie czekając na pielęgniarkę.Od strony medycznej jest lepiej. Ale wraz z większą świadomością jest też wyraźniejsze odczuwanie bólu i dyskomfortu, więc Marysia więcej i mocniej płacze, próbuje zrywać plastry, woła mamę, boi się głosu obcych ludzi i obcego języka. Tak więc jest lepiej, ale też trochę trudniej. Zwłaszcza gdy organizm rodzica potrzebuje kilkugodzinnego nieprzerwanego snu. Ale na szczęście mamy wokół dobrych ludzi, którzy nam pomagają, zajmują się Alinką, a zaufane osoby czasami nawet zostają na noc w szpitalu, jak dziś ciocia Gosia, w poprzednim tygodniu ciocia Miłka i od czasu do czasu wujek Janek.Dobrej niedzieli i udanego tygodnia! Buziaki!www.kotekmarysi.pl

Geplaatst door Agata Szlązak op Zondag 27 januari 2019

Sempre di più sono gli internauti che pregano per la bambina. Vengono celebrate messe a quest’intenzione, dei pellegrini offrono per lei il loro cammino, altri organizzano novene. Nessuno aspetta il miracolo a mani basse. Vengono organizzati eventi caritativi e raccolte di fondi per coprire le spese mediche. Il dossier medico di Maria viene tradotto in più lingue prima di essere inviato a specialisti di altri Paesi. Un giorno un gruppo di volontari si fa carico del rinnovamento della camerata di Maria e della sua sorella maggiore. Si moltiplicano numerosi gesti, piccoli e grandi, che testimoniano lo slancio di solidarietà e di compassione di tutto un Paese.

+

Clicca sull’immagine per avviare la galleria:

Il miracolo della piccola Maria

I suoi genitori non perdono la speranza. Cercano di capire se ci sia un significato più profondo nella malattia della figlia.

Tanti cuori toccati, tante altre sensibilità – si commuove Agata –. Mediante la nostra storia, tante persone ritrovano fiducia nella bontà, ritrovano Dio e la preghiera quotidiana. Ce ne sono anche alcuni che tornano ai sacramenti dopo lunghi anni di assenza. Imparano la gratitudine, rivedono le loro priorità. Testimoniare la sofferenza di un bambino è un’esperienza spirituale molto speciale.

Così dichiara la madre di Maria, e la sua testimonianza è confermata da quelli che confessano fino a che punto la sorte di Maria abbia sconvolto le loro vite. Sui forum di sostegno scrivono:

  • Maria, grazie a te prego di più, la mia fede è più profonda. Sento che sono più vicina a Dio. Questa trasformazione non è senza uno scopo. Io credo di non essere l’unica a vivere ciò che descrivo.
  • La vostra piccola Maria e la sua storia hanno cambiato la mia vita. Lavoro da anni in un ospedale, avete risvegliato in me nuove fonti di energia, di empatia e di comprensione, esattamente quello di cui i miei pazienti hanno bisogno. Anche quando sono spossata, la schiena mi duole o le gambe non mi reggono più, voglio occuparmi di loro con questo nuovo sguardo, con questa nuova attenzione. Che il miracolo di Maria prosegua!
  • Maria, è grazie a te che ho ricominciato a credere in Dio, e oggi condivido la fede dei tuoi genitori. Prego perché tu ne venga fuori.

Dichiara ancora Agata: «Credo che in questi ultimi tre mesi la mia bambina malata abbia toccato più cuori di quanti tanti adulti riescano a fare in tutta una vita. Mia figlia mi dà la forza per superare i momenti più difficili».

La sofferenza dei bambini ha un senso?

Come stare di fronte alla sofferenza dei bambini? Aleteia ha rivolto questa difficile domanda ai genitori di Maria. La lunga risposta della madre è sconvolgente:

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni