Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La dieta sorprendentemente sofisticata di un monaco medievale

MONKS EATING,TABLE
Painting by Giovanni Sodoma
Condividi

Le ricette del XIV secolo di un monastero benedettino rivelano il gusto per il cibo ricco e speziato

Nel suo libro Flans and Wine, lo storico David Snowden ha pubblicato alcune ricette usate dai monaci benedettini nell’Inghilterra del XIV secolo, rivelando che chi viveva nelle abbazie sopravviveva grazie a ben più del pane.

Le ricette, usate dai benedettini dell’abbazia di Evesham, fondata nel 701, indicano che i monaci avevano in effetti un palato piuttosto raffinato.

Molti piatti erano conditi con erbe e spezie difficili da trovare, in linea con la ricchezza e il potere che aveva all’epoca l’abbazia (in seguito, durante il regno di Enrico VIII, venne saccheggiata e demolita).

“Erano molto cari – un modo di mostrare la ricchezza dell’abbazia era produrre cibo molto ricco, speziato”, ha riferito Snowden alla BBC.

“Ad esempio, molte delle ricette richiedono una dose consistente di zafferano perché valeva letteralmente più dell’oro – i benedettini potevano permettersi il meglio e si assicuravano di ottenerlo”, ha aggiunto.

Le ricette includono cozze cotte con porri e salsa saracena (una salsa rossa speziata), carne di granchio fritta in olio d’oliva e mescolata a uova strapazzate e piatti a base di ostriche, lingua di bue, vitello e cinghiale.

Durante la Quaresima, quando il consumo di carne veniva proibito, Snowden suggerisce che i monaci si nutrissero di “Cawdel of Muskels”, cozze stufate nel vino bianco, condite con porri, cipolla, zenzero, un pizzico di zafferano e un cucchiaio di panna.

Nel suo libro, Snowden adatta le ricette, scritte in inglese antico, per l’uso di oggi, avvalendosi di misure moderne e ingredienti disponibili nelle drogherie comuni – soprattutto se il vostro droghiere riesce a soddisfare i gusti più raffinati.

Snowden suggerisce che la ricca dieta dei monaci possa aver influito sulla loro aspettativa di vita.

“Non godevano di una salute molto buona, e l’età media di morte era 35 anni – la maggior parte di loro moriva per malattie bronchiali, probabilmente provocate da una dieta povera –, ma all’epoca la vita media non era comunque molto lunga”, ha riferito alla BBC.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni