Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

La cappella cattolica segreta in soffitta creata nella Amsterdam dell’epoca della Riforma

ATTIC CHURCH
Condividi

La chiesa de “Il Nostro Caro Signore in Soffitta” venne costruita per servire i cattolici perseguitati

Una delle chiese più antiche a operare ininterrottamente in Olanda è situata in una soffitta non lontana dal celebre distretto a luci rosse di Amsterdam.

La storia della nascita della cappella inizia con Jan Hartman, un cattolico tedesco che viveva ad Amsterdam durante la Riforma.

Nel XVII secolo a Hartman, come a tutti i cattolici, venne impedito di esercitare la sua fede in pubblico a seguito della ribellione dei Paesi Bassi a maggioranza protestante, che comprendono parti degli attuali Belgio e Olanda, al re cattolico Filippo II di Spagna.

Questo portò alle ostilità nei confronti dei cattolici nella capitale olandese.

Tutte le chiese cattoliche vennero trasformate in protestanti, e molti cattolici lasciarono la città per perseguire la propria libertà religiosa.

Anziché fuggire, Hartman ideò una soluzione innovativa per continuare a praticare la sua fede. Acquistò le due proprietà al lato di casa sua e trasformò la soffitta in una di queste, al numero 40 di Oudezijds Voorburgwal, in una chiesa cattolica segreta. Gli altri cattolici potevano avere accesso alla “schuilkerk” (letteralmente “chiesa clandestina”) attraverso una scala a chiocciola nascosta dietro una falsa porta nel soggiorno. Spesso ricorrevano a un linguaggio in codice per condividere notizie sulla Messa e altri servizi. Ad esempio, dire “Sto andando dal pappagallo” era un modo per dire che sarebbe stata celebrata la Messa.

THE ATTIC CHURCH
Per gentile concessione del Museo Ons’ Lieve Heer op Solder

Gli stretti gradini della scala portavano all’organo sul retro di una cappella a due piani, con un pulpito estraibile costruito nel muro al lato sinistro dell’altare. Nella cappella potevano entrare anche 150 persone per la Messa, il che la rendeva una risorsa preziosa per la popolazione cattolica perseguitata nella Amsterdam dell’era della Riforma.

Per gentile concessione del Museo Ons’ Lieve Heer op Solder

Oggi si può visitare la cappella, nota come Ons’ Lieve Heer op Solder (letteralmente “Il Nostro Caro Signore in Soffitta”), per ammirare il suo progetto architettonico e le decorazioni originali del XVII secolo, incluso un dipinto del Battesimo di Cristo di Jacob de Wit. Il museo occupa tutta la casa e include il mobilio originale olandese del XVII sugli altri piani.

La cappella, ad ogni modo, è ben più di un museo. La Messa, infatti, viene ancora celebrata nella “chiesa clandestina”, il che la rende una delle chiese più antiche a operare in modo continuativo ad Amsterdam.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni