Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Per evitare la prigione accetta di fare il Cammino di Santiago

PIELGRZYM NA CAMINO
Shutterstock
Condividi

Il 25 luglio, un tribunale di Venezia ha commutato la condanna di un giovane reo perché ha accettato di andare in pellegrinaggio a Santiago de Compostela

Un cammino educativo

Seguendo il consiglio di Lunghi Cammini, il giudice ha proposto il pellegrinaggio stabilendo delle condizioni ben definite. Il ragazzo doveva impegnarsi a compiere tutto il percorso, non poteva consumare droghe, alcool e tabacco e si impegnava a non usare il cellulare in nessun caso. Se non avesse rispettato qualcuna di queste condizioni, sarebbe andato subito in carcere.

Il ragazzino è partito accompagnato da un “angelo custode”, Fabrizio, un volontario di 68 anni, professore in pensione, che aveva la responsabilità di assicurarsi che la sentenza venisse eseguita seguendo le condizioni stabilite. I due pellegrini avevano un budget di 40 euro al giorno per vitto e alloggio.

Tra discussioni e preghiere

Il percorso non è stato sempre facile. Il ragazzino si arrabbiava regolarmente e ha avuto molti momenti di dubbio, e il percorso è stato un’alternanza di discussioni e preghiere. A poco a poco si è sviluppato un forte legame tra i due. Superati molti momenti di scoraggiamento, sono finalmente arrivati a Santiago de Compostela. Al ritorno a Venezia, ciascuno dei due ha testimoniato quanto il viaggio l’abbia cambiato e l’amicizia che è nata tra di loro.

Fabrizio ha affermato che il pellegrinaggio è stato per lui un vero “apprendimento di apertura, comprensione e accettazione dell’altro”. Quanto al ragazzino, il Cammino gli ha permesso di “riflettere sulla sua vita”. Ha anche espresso la sua immensa gratitudine a Fabrizio: “La sua presenza è stata per me come una spina che mi pungolava costantemente. Ma è stata una spina al contempo dolorosa e positiva: mi ha mostrato una vita vera e veri valori. E ho anche trovato un nonno!”

Per Isabella Zuliani, direttrice dell’associazione, queste esperienze di reinserimento sono una soluzione che evita i rischi associati al carcere. La loro forza è essere caratterizzate dalla difficoltà e dalla rinuncia, e rappresentano un modo eccellente di aiutare i giovani a trovare la giusta strada nella loro vita.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni