Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 25 Febbraio |
Santi Luigi Versiglia e Callisto Caravario
home iconStorie
line break icon

L’esperienza brasiliana che rivoluziona il sistema carcerario

© sakhorn / Shutterstock

Roberta Sciamplicotti - Aleteia Italia - pubblicato il 03/04/18

Le prigioni APAC, istituti a bassa vigilanza da cui i reclusi non si sognano neanche di fuggire

Renato Da Silva Junior ha 28 anni e sogna di diventare avvocato. Sulla sua strada c’è un solo ostacolo: sta scontando una condanna a vent’anni per omicidio, e finora ne ha scontati appena cinque.

“I miei sogni sono più grandi dei miei errori”, ha dichiarato Renato, che trascorre tutto il suo tempo studiando e lavorando per ridurre la pena che gli è stata inflitta. “Sto facendo tutto ciò che è in mio potere per uscire di qui il prima possibile”.

Renato è recluso nella prigione maschile di Itaúna, nello Stato brasiliano di Minas Gerais, e ha già ottenuto una riduzione della pena di due anni grazie al suo lavoro e allo studio presso l’Associazione per la Protezione e l’Assistenza ai Condannati (Associação de Proteção aos Condenados, APAC), un’associazione della società civile che collabora strettamente con l’amministrazione penitenziaria. Quello in cui vive è un istituto a bassa vigilanza, in cui i condannati indossano i propri vestiti, si preparano i pasti e sono perfino incaricati della sicurezza. Nel carcere APAC non ci sono guardie o armi, e i reclusi hanno letteralmente le chiavi della struttura.

“Non penso affatto a fuggire. Sono vicino alla fine della mia condanna e ho quasi pagato per il crimine che ho commesso. Ripongono la propria fiducia in me ed è mia responsabilità controllare la porta”, ha affermato David Rodrigues de Oliveira, 32enne responsabile dell’apertura della porta principale del carcere maschile, come riporta The Guardian.

“Il mio prossimo passo è la libertà condizionata, grazie alla quale potrò uscire una volta a settimana. Ho una famiglia a cui pensare. Non la metterei mai a repentaglio”.

  • 1
  • 2
Tags:
brasileredenzione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
CAIN AND WIFE
Francisco Vêneto
Con chi si è sposato Caino, se Adamo ed Eva avevano solo figli ma...
5
WSZYSTKICH ŚWIĘTYCH
Gelsomino Del Guercio
8 modi per aiutare e liberare le anime del Purgatorio
6
MUM, HUG, CHILD
Annalisa Teggi
Mamma si suicida insieme al figlio, ma lo salva con l’ultim...
7
KISS
Carlos Padilla
Curate così il vostro matrimonio e non ve ne pentirete mai
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni