Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

Per evitare la prigione accetta di fare il Cammino di Santiago

PIELGRZYM NA CAMINO
Shutterstock
Condividi

Il 25 luglio, un tribunale di Venezia ha commutato la condanna di un giovane reo perché ha accettato di andare in pellegrinaggio a Santiago de Compostela

Un 15enne italo-nordafricano è stato arrestato dopo aver commesso alcuni crimini sotto l’effetto della droga. In una serie di eventi più unica che rara, il giudice non ha mandato il ragazzo in prigione, proponendogli, qualche mese prima che comparisse davanti a un tribunale, di recarsi in pellegrinaggio a Santiago de Compostela.

L’accusato è stato d’accordo e si è messo in cammino. Dopo che il ragazzino aveva percorso a piedi 1.500 chilometri fino al santuario spagnolo di Santiago de Compostela, il giudice ha ritenuto che avesse applicato fedelmente una sentenza di reinserimento unica e originale. Una storia sorprendente di reintegrazione e sviluppo personale.

Pellegrinaggio o prigione

Si sa poco del giovane. Nato in Nordafrica ma di nazionalità italiana, proviene da una famiglia difficile. È caduto rapidamente nella dipendenza dalle droghe e ha iniziato presto ad accumulare problemi con la giustizia. Quando si è presentato di nuovo per un caso più grave dei precedenti, il giudice ha avuto l’idea di affidarlo a Lunghi Cammini, un’associazione italiana nata da poco a Mestre che offre ai giovani con difficoltà l’opzione di camminare come mezzo di reinserimento sociale.

Il ragazzo ha dovuto fare all’inizio un corso di adattamento al mondo del lavoro professionale. Ha anche fatto volontariato all’interno dell’associazione, con risultati convincenti. Dopo alcuni mesi, in collaborazione con il dipartimento di assistenza sociale del Tribunale di Venezia, l’associazione ha deciso di preparare un programma speciale per lui perché potesse rispettare la sentenza in un modo inaspettato.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni