Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 16 Ottobre |
Santa Teresa d'Avila
Aleteia logo
home iconCultura
line break icon

No il sangue sulla Sindone è vero! Nuovo studio lo conferma: «E’ quello di chi è stato torturato»

CAŁUN TURYŃSKI

Shutterstock

Lucandrea Massaro - pubblicato il 07/08/18

Uno studio di quattro anni sul Sacro Lino smentirebbe gli attacchi di Borrini e Garlaschelli, ma il tema alla fine è solo quello della fede

Un nuovo studio si occupa della Sindone, pubblicato sulla rivista scientifica Applied Optics, che riprende il discorso dell’autenticità del Sacro Lino là dove era rimasto dopo gli attacchi dello studio di Borrini e Garlaschelli: dal sangue. Una delle obiezioni era circa il colore del sangue rappreso, quella secondo cui è senso comune che, una volta rappreso, diventi marrone ma nel caso del Lino mantiene un colore “troppo rosso”.

Quelle sfumature di rosso – spiega Vatican Insider – sono state analizzate dopo l’Ostensione del 2015, con raggi laser e strumenti ottici che servono anche per dire se l’immagine dell’uomo si è deteriorata (a proposito: no).

I risultati: «Il sangue resta rosso se colpito da raggi ultravioletti compatibili con la luce del sole», spiega Paolo Di Lazzaro, ricercatore Enea e vicedirettore del Centro Internazionale di Sindonologia, che firma lo studio con ricercatori Inrim e Cnr. Ma attenzione – il diavolo sta nei dettagli – il fenomeno si verifica solo con un preciso tipo di sangue: «Quello di un malato di ittero, o di chi è stato torturato». Lo studio è stato condotto su un malato, «non potendo torturare nessuno», scherza Di Lazzaro. L’ipotesi era già stata formulata, «noi l’abbiamo verificata, e dimostriamo che le macchie sono di vero sangue, c’è emoglobina antica, e non ocra o altro, mentre c’è chi, come il Cicap, continua a sostenere il contrario».




Leggi anche:
Macchie di sangue false sulla Sindone? Una ricerca flop!

Sulla «prestigiosa rivista Applied Optics (Optical Society of America) vengono dunque pubblicati i risultati di uno studio durato quattro anni e condotto da un’equipe di ricercatori dell’Enea, del Cnr e dell’Inrim.

Lo scopo – spiega Gian Maria Zaccone, direttore del Centro di Sindonologia – è stato quello di comprendere il motivo del colore rosso delle macchie di sangue sulla Sindone di Torino, questione assai dibattuta sulla quale si sono fatte molte ipotesi nel tempo, su alcune delle quali lo studio ha permesso di verificare il livello di fondatezza». Il lavoro è stato compiuto «su misure colorimetriche in passato acquisite sulla Sindone attraverso tecniche non invasive e non a contatto». Senza entrare in tecnicismi che «io storico lascio agli esperti della materia, possiamo però dire che esiste una ulteriore spiegazione sperimentale in grado di giustificare il particolare colore, peraltro presente anche in reperti molto antichi di soggetti il cui sangue presenta alto tasso di bilirubina, nonché elementi che fanno ritenere si tratti di sangue antico». L’articolo «introduce dunque ulteriori elementi nella questione recentemente sollevata circa la realtà e le caratteristiche del sangue presente sull’immagine sindonica».

La ricerca scientifica continua a interrogarsi dunque sull’origine del Lino, ma resta il mistero rappresentato dall’immagine di questo uomo sofferente, che attraversa i secoli. Esso è davvero l’immagine del Cristo sofferente, e impegna i credenti non tanto all’adesione sulla sua veridicità, ma sulla tensione ad una continua e costante conversione. Solo se la Sindone ci conduce a riconoscere in Gesù il Cristo, la sua esistenza avrà senso…


FRANCA SOZZANI

Leggi anche:
L’incredibile conversione della “papessa della moda” davanti alla Sindone

Tags:
sacra sindone
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
4
CARLO ACUTIS
Silvia Lucchetti
“I primi miracoli mio figlio li fece il giorno del funerale”
5
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
BERGOGLIO
Gelsomino Del Guercio
“Se non mi sposo con te, mi faccio prete”. Così parlò il futuro P...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni