Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Macchie di sangue false sulla Sindone? Una ricerca flop!

Wikipedia
Condividi

L'esperto sindonologo Bruno Barberis smentisce lo studio di Borrini e Garlaschelli

Solo alcune macchie di sangue sarebbero compatibili con la posizione di un uomo crocifisso; il resto – almeno la metà – sarebbero false. È il risultato di una nuova ricerca sulla Sindone di Torino. In pratica, molte macchie non troverebbero giustificazione in nessuna posizione del corpo, né sulla croce né nel sepolcro.

A indicarlo sono i dati pubblicati sul Journal of Forensic Sciences e basati su un esperimento che, con le tecniche di medicina forense, ha ricostruito la formazione delle macchie. Condotto da Matteo Borrini, dell’università di Liverpool, e Luigi Garlaschelli, del Cicap (Comitato italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze).

Come la scena di un crimine

«Partendo da fotografie in scala reale, quindi in altissima risoluzione – ha spiegato all’Adnkronos (16 luglio) Borrini, antropologo forense – attraverso l’analisi delle tracce ematiche, così come si fa sulla scena di un crimine, abbiamo voluto verificare come potevano essersi formate, in base alle incontrovertibili leggi della fisica».

La posizione

L’analisi di Borrini e Garlaschelli non ha lesinato l’uso di tecniche tipiche delle scene del crimine con sangue vero e sintetico. «L’unica ipotesi compatibile – spiega ancora Borrini – vedeva le braccia molto estese verso l’alto, in una posizione superiore a 45 gradi. Una posizione plausibile, anche pensando alla ‘Crocefissione’ del Mantegna”».

La sacca

Per riprodurre il sanguinamento delle mani gli esperti hanno attaccato una sacca di sangue con una cannula. In tal modo i rivoletti di sangue sul polso avrebbero dimostrato «un orientamento diverso rispetto a quello degli avambracci e su una croce non è possibile» (La Stampa, 16 luglio).

Due variabili

Bruno Barberis, Coordinatore del Comitato scientifico del Centro Internazionale di Sindonologia di Torino, spiega ad Aleteia che «la tecnica usata non è riconosciuta a livello scientifico e in Usa ha già causato diversi errori giudiziari. Studiare il comportamento del sangue, significa conoscerne le caratteristiche. Per di più nella Sindone dobbiamo tenere in considerazione anche le peculiarità del telo su cui è poggiato il corpo. Quindi le variabili da valutare sono molteplici».

© P.M WYSOCKI / LUMIÈRE DU MONDE

Il sangue

Nel dettaglio «riprodurre in laboratorio su un altro corpo o su un manichino le caratteristiche del sangue della Sindone, in quelle determinate condizioni, non è possibile. Non si era a conoscenza della pressione nel momento in cui il corpo è stato trasportato, né della viscosità, ecc. Nel video dell’esperimento si nota, ad esempio, un flusso sanguigno molto veloce, ma un uomo crocifisso, che sicuramente è disidratato, ha una viscosità del sangue nettamente più alta».

Il telo

«Poi – prosegue Barberis – c’è il telo, come dicevo, che aveva delle pieghe, una certa elasticità al momento del trasporto del corpo che nel tempo inevitabilmente è cambiata per l’usura dello stesso. Non abbiamo neppure la certezza della posizione originaria del corpo, nè sappiamo se è stato spostato o mosso».

“La ricerca ossessiva dello scoop”

Pertanto la ricostruzione fatta da Borrini e Garlaschelli è «aleatoria». «Questo studio, a mio avviso, non va assolutamente tenuto presente perché non tiene conto delle relazioni dinamiche del cadavere e del telo. Relazioni assolutamente variabili».

«La ricerca – sottolinea il matematico – è stata presentata la prima volta nel 2014, la seconda nel 2015 ed è diventato un articolo scientifico solo quattro anni dopo: una prassi che sembra piuttosto strana. L’impressione è di una ricerca superficiale e approssimativa, quasi la ricerca ossessiva di uno scoop che non c’è». 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.