Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Michael Bublé torna sul palco dopo che il figlio ha sconfitto il cancro

MICHAEL BUBLE,SON,CANCER
Condividi
“Anziché parlare del dolore e della negatività della situazione, vorrei approfittare dell’opportunità per dire davvero grazie. A tutte le persone che hanno inviato le loro preghiere, che hanno mandato i propri auguri, che… che hanno sofferto per noi. Non siamo l’unica famiglia ad aver vissuto una situazione del genere, ce ne sono tante, e siamo estremamente grati per l’amore che abbiamo ricevuto. C’è voluto molto tempo. Trovo difficile non emozionarmi per questo. Ci ha tenuti in vita”.

Michael Bublé ha trattenuto a stento le lacrime nel corso di una conferenza stampa a Dublino, qualche giorno prima di apparire nel suo primo concerto in quasi 4 anni.

Tre anni fa al figlio di Michael Bublé, Noah, è stato diagnosticato un cancro al fegato. Il cantante ha subito rinunciato alla sua attività per concentrarsi sulla famiglia. Ora, dopo un intervento riuscito per rimuovere il tumore di Noah, Bublé è tornato ad esibirsi.

People ha riferito del tormento che Bublé e la moglie, l’attrice argentina Luisana Lopilato, hanno sperimentato vedendo il figlio combattere per la vita.

“Sono stato all’inferno”, ha detto di recente all’Herald Sun. “Non parlo di tutta la storia, neanche ai miei amici perché fa troppo male. È il mio bambino. È un supereroe, non ha bisogno di riviverlo in continuazione. Ma sono stato all’inferno. E sapete? L’inferno sembra un bel posto di vacanza rispetto a quello in cui sono stato io”.

“Pensavo davvero che non sarei mai tornato alla musica”, ha continuato Bublé. “Quello che conta è la famiglia. La salute dei miei figli è al primo posto. Il rapporto con la mia famiglia, mia moglie, la mia fede – tutto questo è il numero 1”.

Ma Bublé è ritornato, e una folla di 80.000 persone ha assistito nello stadio di Croke Park a Dublino nella prima tappa del suo nuovo tour. L’artista canadese ha detto di aver lavorato a un nuovo album, in cui inserirà le emozioni della sua famiglia dopo aver sperimentato una vicenda così devastante.

Christian Headlines riferisce che questa esperienza gli ha dato chiarezza:

“Il giorno in cui abbiamo ricevuto la diagnosi è accaduto tutto in un attimo. È cambiata tutta la mia vita, la mia prospettiva sulla vita… e tutto quello che conta… è cambiato tutto in un attimo”, ricorda Michael. “Ed è una cosa positiva. Perché sono grato – sono grato per la grazia. Sono grato per la fede”.

“Questa chiarezza mi ha dato l’opportunità di ritrovare l’amore per la musica. Torno a quello per cui sono nato. Torno in un mondo che ha bisogno di amore e risate. Voglio essere un canale per questo”.

All’inizio di quest’anno Michael e Luisana hanno aumentato la loro famiglia con una bambina, Vida. Ora con tre figli, Noah, Elias e Vida, la famiglia felice vuole rimanere insieme durante il tour. Bublé ha annunciato in uno show radiofonico che la sua famiglia si unirà a lui quando si recherà in Australia a ottobre:

“I miei bambini verranno con me, saranno ovunque con me”, ha dichiarato il genitore orgoglioso a uno show radiofonico.

Michael si è poi preso un momento per parlare della sua nuova fonte di gioia: “Per noi è stato davvero uno splendido miracolo. Abbiamo sempre voluto una bambina e avevamo due splendidi maschietti, quindi ora è tutto perfetto”.

https://youtu.be/323gz5xNZMI

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.