Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Anche gli atei hanno un angelo custode, forse due

OLD MAN PORTRAIT
Condividi

William ha 73 anni, è cieco e sulla sedia a rotelle: non crede in Dio eppure lo visitava la visione di un angelo, poi addirittura due hanno bussato alla sua porta

di Patrizia Ameli

Nella casa di cura dove andiamo ogni giovedì, la Broomfield Skilled, abbiamo incontrato William. Ha 73 anni, è cieco e vive su una sedia a rotelle. Quel giorno era incastrato tra il muro e la porta e non riusciva a liberarsi. Lo abbiamo aiutato e ci siamo presentate come suore cattoliche. William ha risposto: “Ah! The penguins!”. Aveva conosciuto la figura della suora guardando The Blues Brothers. Abbiamo iniziato a parlare: mi ha confessato che fino a un mese prima aveva la visione di un angelo ma che ora non lo vedeva più. Per lui, ateo convinto, la presenza dell’angelo significava che esiste un Dio. Gli ho risposto che non potevo aiutarlo in questo ma che avremmo potuto andare a trovarlo ogni giovedì ed aiutarlo a vedere con il cuore. Ha accettato e ogni volta, quando arriviamo, ci accoglie con gioia.

Una delle prime cose che ci ha raccontato è che ha avuto cinque mogli e per un periodo ha convissuto con due di loro. Io ho pensato all’incontro di Gesù con la Samaritana che aveva avuto cinque mariti, e al grande potenziale del cuore di quest’uomo. La domanda più scottante che ci pone è sul senso della verginità. A volte rispondo, a volte gli chiedo di non fare certe domande: tra noi c’è ormai un rapporto di amicizia.
Un giorno ho incontrato la sua attuale moglie. Ho scoperto che è cattolica ma non ha mai parlato con il marito della fede perché per lei è un fatto privato. È rimasta stupita dal fatto che, nonostante le battute impertinenti del marito, noi continuiamo a fargli visita. Le ho detto che William ci ha sempre posto domande vere e leali.

ANZIANO, BASTONE, MANI
Shutterstock

Un giorno gli ho chiesto da quale moglie si fosse sentito più amato. “Dall’ultima, perché mi cura senza avere nulla in cambio”. “Vedi? Questa è la verginità!” gli ho detto. Mi ha obiettato che, malato com’è, non può amare totalmente la moglie. Ho ribattuto che paradossalmente può amarla molto di più adesso, perché una donna ha bisogno di essere ascoltata e lui, con la sofferenza che vive, può capire sua moglie più di prima.

Spesso gli ricordo che, per vedere con gli occhi del cuore, deve iniziare un dialogo semplice con Dio, parlando delle cose quotidiane e chiedendogli la forza. Non so se lo ha mai fatto. So che ogni volta ci chiede di tornare.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.