Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 27 Maggio |
Santa Giuliana da Norwich
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Intelligenza artificiale: Uomo versus macchina è finita 1 a 1

MĘŻCZYZNA PRZY KOMPUTERZE

Kevin/Unsplash | CC0

Paul De Maeyer - pubblicato il 18/07/18

Project Debater

Nello stesso anno, Noam Slonim, scienziato presso il più grande centro di ricerca IBM al di fuori degli USA, quello di Haifa, in Israele, propone Debater, un progetto  “scientificamente interessante e stimolante”, con “un valore commerciale”, “qualcosa di grande, qualcosa che cambia le cose”.

Mentre Watson è un supercalcolatore capace di rispondere a domande poste in un linguaggio naturale, l’idea di Slonim invece è di sviluppare un sistema di IA in grado di sostenere veri e propri dibattiti, anche su temi complessi.

Il progetto parte nel 2012 a Haifa sotto la guida di Ranit Aharonov. A differenza di Deep Blue o Watson, “il nostro obiettivo non è sviluppare un altro sistema che sia migliore rispetto agli umani nel fare qualcosa”, spiega la Aharonov. Lo scopo di IBM è infatti creare un software capace di confrontarsi “con un essere umano abbastanza competente, ma non necessariamente un campione del mondo”, aggiunge a sua volta il direttore di ricerca dell’azienda, Arvind Krishna.

Per essere convincente, un software come quello del Project Debater deve essere ben informato sui vari temi che dovrà affrontare. Per raggiungere questo obiettivo, l’équipe della Aharonov ha caricato sul cervellone miliardi di dati prelevati da 300 milioni di articoli di giornale, riviste ecc.

Un giudizio

Il dibattito organizzato a giugno “è l’inizio di qualcosa che possiamo esplorare per molti, molti anni”, ha dichiarato l’ideatore del Project Debater, Noam Slonim. Infatti, la prestazione del sistema di IA è stata definita dal professor Chris Reed, che faceva parte del pubblico, “davvero impressionante”.

Secondo il docente di Informatica dell’Università di Dundee, anche se siamo solo ai primi esordi del percorso di comprensione dell’intelligenza artificiale, il computer di IBM ha saputo produrre “un discorso di quattro minuti, al volo, su un argomento selezionato a casaccio da un elenco di 40, su cui non era stato preparato a discutere”.

Ma come oratore, deve imparare ancora molto. “Il sistema ha solo nozioni molto  rudimentali di struttura argomentativa e molto spesso devia dal tema principale”, osserva Reed. “Non presta attenzione al suo pubblico, né al suo avversario, e non ha modo di adattare il suo linguaggio o di sfruttare le centinaia di argute tecniche retoriche che aiutano a conquistare il pubblico.”

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
intelligenza artificialetransumanesimo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni